CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Salute, Sanità, Benessere e Medicina

Cerca nel blog

domenica 4 dicembre 2016

Le grandi multinazionali farmaceutiche puntano all’Italia. Un business che vale 4,3 miliardi di dollari

De Matthaeis, Labozeta: "Sicurezza, sostenibilità e qualità sono le carte vincenti"
ROMA, 4 dicembre 2016 - Ormai il dato è più che conclamato: le multinazionali del settore farmaceutico si rivolgono sempre più all'esperienza italiana, tant'è che il 10% delle materie prime farmaceutiche vengono prodotte ed esportate proprio dal nostro Paese. 

Parliamo di un mercato  che produce un giro d'affari, solo in Italia, pari a 4,3 miliardi di dollari, come hanno evidenziato recentemente non solo l'AschimFarma e l'Aifa, ma anche le più importanti case farmaceutiche riunite propriamente sotto il nome di Big Pharma, sempre più interessate  alla produzione italiana. 

Nulla a che vedere con la convenienza economica che offrono i paesi asiatici low cost. 
Anzi, il risultato è frutto dell'expertise tecnica, della sicurezza e qualità, della purezza, del timing e del package, ovvero elementi che contraddistinguono da sempre il made in Italy in questo delicatissimo settore che attualmente esporta, come evidenzia il recente rapporto di studio realizzato dall'Università di Torino, l'85% di principi attivi farmaceutici. 
Si può decisamente definire un circolo virtuoso di eccellenze, tra le quali rappresentano una importanza rilevante la progettazione e il realizzo di laboratori scientifici studiati per venire incontro alle molteplici esigenze della ricerca. 

"Parliamo di luoghi che devono essere obbligatoriamente sinonimo di sicurezza, sostenibilità e qualità", come precisa Giancarlo De Matthaeis, presidente di Labozeta Spa, azienda leader nella progettazione e costruzione di laboratori scientifici dal 1983. 

"Il Know-how che l'Italia ha raggiunto in questo campo, attraverso la rigorosa osservanza delle normative vigenti, l'attenzione particolare di chi vive quotidianamente i laboratori chimici e farmaceutici, le conseguenti migliorie progettuali e sostenibili hanno indubbiamente favorito un ulteriore innalzamento degli standard qualitativi che oggi hanno raggiunto livelli davvero invidiabili". 

"Certo, c'è ancora molto da fare in questo settore in termini soprattutto di progetti capaci di mettere in sinergia le diverse eccellenze e potenzialità che il nostro Paese offre, in funzione ad una economia sempre più circolare e quindi sostenibile. Di sicuro  - conclude De Matthaeis -  il futuro ci sta proiettando verso la cosiddetta industria 4.0, in cui si apriranno inevitabilmente nuovi scenari nella produzione di beni e di servizi che porteranno nuova linfa vitale all'innovazione, allo sviluppo e soprattutto ad una maggiore integrazione verticale".


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *