CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo



Cerca nel blog

martedì 31 marzo 2020

Coronavirus: Vidas lancia pronto intervento psicologico per familiari in lutto e operatori sanitari

"Distanti ma non soli" pronto intervento psicologico di VIDAS dedicato a chi cura e a chi rimane


Counselling telefonico per familiari che hanno subito un lutto e operatori sanitari impegnati nell'emergenza Coronavirus

 

Milano, 31 marzo 2020 - Un pronto intervento psicologico per chi ha perso una persona cara e per operatori sanitari coinvolti nell'emergenza Coronavirus. È "Distanti ma non soli" il servizio di counselling telefonico che VIDAS - associazione impegnata dal 1982 nell'offrire assistenza sociosanitaria a persone con malattie inguaribili a Milano e in Lombardia - mette a disposizione di quanti, cittadini, medici, infermieri e personale sanitario in genere, sentono il bisogno di un supporto qualificato per affrontare le emozioni di questo difficile momento.

 

Il servizio, gestito da un team di sei psicologhe di VIDAS esperte sia nel sostegno al lutto sia nell'affrontare il burnout, mette a disposizione due numeri di telefono distinti, uno per ciascuna fascia di popolazione. I familiari possono rivolgersi al 348 8507331 tutti i giorni, dalle 9 alle 19, mentre agli operatori sanitari è dedicato il 344 0948447, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 19, e il sabato, dalle 10 alle 17.

 

Dall'inizio dell'emergenza Covid-19 VIDAS non si è mai fermata, anzi si è attivata per dare il proprio contributo nel ridurre la pressione sulle strutture ospedaliere. Per questo, oltre a svolgere il consueto lavoro all'interno dei propri hospice, ha allargato la rete di assistenza domiciliare arrivando a garantire cure palliative direttamente nelle case di circa 215 pazienti ogni giorno. Ora, in questo frangente in cui in cui le condizioni della perdita sono così complesse e l'attività di medici e infermieri estenuante, l'associazione ha deciso di estendere attraverso il pronto intervento psicologico l'aiuto competente che già regolarmente offre ad assistiti e familiari oltre che agli operatori.

 

Perdere una persona cara è sempre un'esperienza dolorosa, al tempo del Covid-19 rischia di essere addirittura traumatica. Non poter assistere il proprio caro con continuità e stargli vicino nelle ultime ore della sua vita, non poterlo salutare e accompagnare al cimitero, può rendere il dolore ancora più intenso. Le psicologhe di VIDAS forniranno consulenza e sostegno ai familiari per aiutarli a comprendere meglio la propria sofferenza, trovare il modo per attraversarla, individuare le risorse necessarie per trasformare il dolore in una nuova possibilità di vivere pienamente la propria vita. Potranno inoltre offrire supporto su come comunicare la perdita a bambini e adolescenti.

 

Per medici, infermieri e personale sanitario prendersi cura delle persone in questa emergenza significa sperimentare molteplici emozioni in una cornice di urgenza e costante incertezza. Una prova dura che pone davanti a gravi rischi nel tentativo di salvare delle vite, nella quale gli stessi operatori restano esseri umani con le proprie paure, fragilità e bisogni. Le psicologhe di VIDAS saranno a loro disposizione per condividerne il vissuto, fornire ascolto e combattere il senso di solitudine.



--
www.CorrieredelWeb.it

CORONAVIRUS. A ROMA DISTRIBUZIONE GRATUITA FARMACI PEDIATRICI URGENTI

CORONAVIRUS. A ROMA DISTRIBUZIONE GRATUITA FARMACI PEDIATRICI URGENTI
FIRMATO PROTOCOLLO DA GARANTE MINORI LAZIO E FEDERFARMA
 
Roma - Consegna di farmaci pediatrici e di prodotti per l'infanzia (tra cui pannolini, latte in polvere e omogenizzati) a domicilio a tutte quelle persone che sono impossibilitate a recarsi in farmacia. È quanto prevede il protocollo d'intesa firmato oggi dal Garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Lazio, Jacopo Marzetti, e dal presidente di Federfarma Roma, Vittorio Contarina.
"L'iniziativa e' rivolta a tutte quelle persone che sono impossibilitate a recarsi in farmacia e possono cosi' richiedere la consegna dei farmaci a domicilio - spiega Marzetti all'agenzia Dire - al fine di assicurare assistenza sanitaria, continuita' terapeutica e garantire la tutela del diritto alla salute dei minori. Allo stesso tempo, il protocollo prevede la possibilita' di richiedere il servizio a domicilio anche per i prodotti parafarmaceutici alle condizioni indicate nel protocollo". Il
servizio, erogato sul territorio di Roma e provincia, e' rivolto in particolare alle persone nel cui nucleo familiare c'e' la presenza di minori in eta' pediatrica e alle strutture residenziali che ospitano minori in eta' pediatrica.
"Abbiamo necessita' che le persone stiano a casa - fa sapere
Alfredo Procaccini, vicepresidente di Federfarma Roma - alcune poi
sono in difficolta' oggettiva, penso alle mamme o alle ragazze madri che non sanno, banalmente, come andare a fare la spesa e a
chi lasciare i figli. La cosa migliore era che le farmacie intervenissero con una consegna a domicilio. Crediamo che il servizio sara' apprezzato, perche' andiamo incontro ad un'esigenza del momento". Ad ogni spedizione, prosegue Procaccini, sara' poi aggiunto "sempre gratuitamente, grazie al contribuito di un'azienda, un flaconcino di vitamina D, un importante immunostimolante per i bambini, soprattutto in questo periodo in cui sono costretti a rimanere in casa e non riescono a prendere la giusta dose di sole". Il servizio verra' erogato dalle farmacie, che comunicheranno tramite e-mail inviata a
assiprofar@federfarmaroma.com, l'adesione al protocollo. L'elenco
delle farmacie aderenti sara' pubblicato sul sito del Garante per
l'infanzia e l'adolescenza della Regione Lazio e di Federfarma Roma.
All'atto della richiesta del servizio di consegna, si legge sul protocollo, il richiedente dovra' comunicare alla farmacia i farmaci pediatrici ovvero i prodotti per l'infanzia di cui ha necessita' indicando l'indirizzo di consegna. Per i farmaci per cui e' necessaria la prescrizione medica, la stessa dovra' essere gia' in possesso del richiedente e, per consentirne la corretta dispensazione, dovra' essere preventivamente acquisita dalla farmacia. Per il servizio di consegna sara' dovuto il pagamento di 5 euro, mentre il servizio sara' gratuito in caso di consegna di farmaci pediatrici urgenti e qualora l'importo totale dei farmaci non urgenti e dei prodotti dell'infanzia consegnati risultino superiori a 50 euro. La durata del servizio ha validita' fino al 3 aprile "e comunque- si legge infine nel
protocollo - fino alla data indicata da ulteriori DPCM che limitino lo spostamento delle persone".


--
www.CorrieredelWeb.it

Da CD Elettrica un respiratore per la terapia sub intensiva di Legnano

Da CD Elettrica un respiratore per la terapia sub intensiva di Legnano

Mauro Colombo: «Per quanto possibile, aiutiamo i nostri ospedali»

 

«Sono convinto che aiutare i nostri ospedali sia un importante contributo nella battaglia contro il Covid-19». Mauro Colombo, amministratore delegato di CD Elettrica s.r.l Elettrotecnica Industriale di Villa Cortese, spiega così la donazione della sua azienda per l'acquisto di un respiratore destinato ai pazienti ricoverati in terapia sub-intensiva all'ospedale di Legnano.
«Donare all'ospedale è il modo più immediato per prendere parte attivamente alla battaglia -prosegue Colombo-. Ed è anche la procedura più efficace e veloce, grazie all'impegno della fondazione degli ospedali, che fa da collettore delle disponibilità e, lavorando a stretto contatto con la direzione ospedaliera, è in grado di incanalare i contributi verso l'acquisto di tutto quanto è necessario in prima linea».
Come tutte le imprese produttive che devono garantire la continuità operativa dei servizi, CD Elettrica è rimasta attiva, «seppur a ranghi ridotti, per senso di responsabilità e per rispettare le giuste limitazioni stabilite dal decreto», precisa Colombo. Che riguardo alla tenuta del nostro sistema economico aggiunge: «Dopo la crisi finanziaria del 2008, il Covid-19 è il secondo evento che in questo lungo periodo mina ogni certezza. Come è accaduto in precedenza, dovremo presto riadattare la nostra normalità a nuovi standard, in cui aumenterà la nostra dipendenza da internet e dall'economia dell'on demand. Invece, sul nostro territorio sarà indispensabile fare rete, perché penso che il distanziamento sociale che dovrà sicuramente continuare per diverso tempo favorirà il ritorno a filiere produttive locali».



--
www.CorrieredelWeb.it

Covid-19. Susanna Esposito (UNIPR):"Mascherina solo in presenza di sintomi? No, necessaria per contrastare trasmissione asintomatica"


COVID-19: MASCHERINA EFFICACE SOLO IN PRESENZA DI SINTOMI? ERRATO.

NECESSARIA PER CONTRASTARE ANCHE TRASMISSIONE ASINTOMATICA E PRESINTOMATICA

SUSANNA ESPOSITO (WAidid): "PRESERVARE LE SCORTE LIMITATE DI MASCHERINE PER IL PERSONALE SANITARIO È CORRETTO, MA LE AUTORITÀ GARANTISCANO IL DISPOSITIVO ALMENO AI SOGGETTI PIÙ FRAGILI"

 

Roma, 31 marzo 2020 – "Scoraggiare l'utilizzo diffuso della mascherina chirurgica è errato e contribuisce a generare confusione nell'opinione pubblica che, oggi più di ieri, ha bisogno di essere rassicurata attraverso corrette informazioni e indicazioni univoche sugli accorgimenti da adottare per impedire il contagio e contrastare la diffusione del Covid-19. Il fatto che le mascherine siano difficilmente reperibili e che le scorte limitate siano correttamente destinate ai medici e agli infermieri che operano nel contesto sanitario non ci autorizza a sottovalutare il ruolo di barriera che, a tutti gli effetti, la mascherina chirurgica ricopre, soprattutto dopo le evidenze provenienti dalla Cina e dai Paesi limitrofi. Ovviamente chi è positivo per Covid-19 deve rimanere isolato fintantoché il tampone non si sia negativizzato e non può assolutamente uscire neanche con la mascherina. In chi sta bene, e per ragioni di stretta necessità deve uscire di casa anche se per pochi minuti, invece, la mascherina chirurgica è fondamentale per prevenire la potenziale trasmissione asintomatica o presintomatica1, 2".

Così Susanna Esposito, Presidente dell'Associazione Mondiale per le Malattie e i Disordini Immunologici (WAidid) e Professore Ordinario di Pediatria all'Università di Parma.

 

Una funzione protettiva, dunque quella della mascherina chirurgica, che può essere dimostrata dalla natura stessa del nuovo coronavirus: alcuni pazienti affetti da Covid-19, infatti, possono presentare sintomi lievi o essere persino asintomatici contagiando, seppur inconsapevolmente, le persone con cui vengono a contatto. Sono, infatti, le goccioline emesse durante la respirazione - parlando, tossendo o starnutendo - il veicolo principale di trasmissione. Oggi sappiamo che la distanza minima da mantenere per impedire il contagio è di almeno 1 metro. Ma l'Associazione Mondiale per le Malattie Infettive i Disordini Immunologici (WAidid) fa notare come alcune goccioline del respiro possano essere più grandi di 5 micron (cosiddette droplets), trasmettendo il virus fino a 1,5-2 metri dalla persona che le emette. Dal momento che non sempre è possibile rispettare questa ampia distanza, e considerato che Covid-19 persiste per alcune ore sulle superfici, a rivelarsi di primaria importanza è proprio la mascherina che garantisce la propria efficacia per un tempo massimo di 4 ore. Una volta utilizzata, dovrà essere rimossa seguendo opportuni accorgimenti (mai toccare la parte anteriore della mascherina e sfilarla accuratamente dagli elastici) e gettarla immediatamente in un cestino coperto. Subito dopo igienizzare le mani.

 

"Attualmente l'OMS raccomanda l'utilizzo della mascherina in presenza di sintomi respiratori o se ci si sta prendendo cura di una persona con sintomi. Ma non basta – evidenzia la Professoressa Susanna Esposito -. È opportuno ricordare come il nuovo SARS-CoV-2 possa essere trasmesso da 1 a 2 giorni prima della manifestazione dei sintomi. Dunque, se la comunità tutta, medici e operatori sanitari in prima linea ma non solo, indossasse la mascherina coprendo naso e bocca, la propagazione del virus incontrerebbe di certo un importante ostacolo, come indicato dalle autorità sanitarie di Hong-Kong.3 L'OMS ha chiesto un aumento del 40% nella produzione di dispositivi di protezione, comprese le mascherine, per proteggere medici e personale sanitario e il limite a raccomandarne l'utilizzo non può essere la difficoltà di approvvigionamento. Le autorità sanitarie – conclude la Presidente WAidid - dovrebbero comunque essere in grado di garantirle almeno a quella parte più fragile della popolazione (over 65, persone con pneumopatie, cardiopatie, diabete e immunodepresse) maggiormente a rischio di complicanze gravi da Covid-19. Sarebbe, inoltre, opportuno formulare raccomandazioni ufficiali e una comunicazione appropriata sull'uso delle mascherine come quelle già fornite per altre misure preventive, come l'igiene delle mani. Pensando al futuro e alla 'nuova normalità', è assolutamente necessario considerare che le mascherine chirurgiche dovranno fare parte del nostro guardaroba quotidiano".

Data la difficoltà attuale nel reperire mascherine, l'Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (WAidid) raccomanda di scegliere la giusta tipologia a seconda delle attività che si svolgono e di alcune specifiche necessità:

·         MASCHERINA CHIRURGICA: deve essere utilizzata da tutta la popolazione. Nello specifico, quando si ha necessità di uscire di casa per fare la spesa, andare in farmacia, per situazioni di emergenza e per recarsi a lavoro laddove non fosse possibile operare da remoto (personale di uffici aperti al pubblico, forze dell'ordine, alimentari e farmacie)

·         FFP3: necessaria per gli operatori sanitari che operano in aree di degenza con "procedure o setting a rischio di generazione di aerosol"4. L'aerosol è quello generato da pazienti COVID-19 durante intubazione, tracheotomia e ventilazione forzata.

·         FFP2 CON VALVOLA DI ESALAZIONE: necessaria per i Soccorritori e il personale del Triage perché a contatto con persone potenzialmente contagiate. La valvola è di supporto a chi è costretto ad  utilizzarla  a  lungo tempo in  presenza  di  pazienti  potenzialmente malati

·         FFP2 SENZA VALVOLA: adatta a proteggere Medici di Medicina Generale e Guardia Medica.

In alternativa, potranno utilizzare quella con valvola, ma si consiglia di porvi sopra una mascherina  chirurgica così da limitare la diffusione della propria esalazione dalla valvola. Deve essere inoltre indossata dalle Forze dell'Ordine in caso di emergenza e ausilio ai Soccorritori 

 

Per gli addetti all'Ospedale, infermieri e/o gli stessi medici, quando non in reparto, si raccomanda di  utilizzare  la  mascherina chirurgica  per contrastare al massimo la diffusione del contagio.

L'uso delle mascherine deve essere sempre combinato con altre azioni di prevenzione, come il lavaggio frequente delle mani, il non toccarsi occhi, naso e bocca e il distanziamento sociale. Va, infatti, ricordato che nessuna misura da sola può fornire una protezione completa nei confronti delle infezioni, ma soltanto una serie di azioni è in grado di contrastare il contagio.

 

Bibliografia

1.       Rational use of face masks in the COVID-19 pandemic, Shuo Feng, Chen Shen, Nan Xia, Wei Song, Mengzhen Fan, Benjamin J Cowling, The Lancet: published March 20, 2020

https://www.thelancet.com/action/showPdf?pii=S2213-2600%2820%2930134-X

2.       https://www.sciencemag.org/news/2020/03/would-everyone-wearing-face-masks-help-us-slow-pandemic

3.       Hong-Kong Centre for Health Protection. Coronavirus Disease 2019 (COVID-19). https://www.chp.gov.hk/en/index.html Accessed on: March 26, 2020

4.       "Indicazioni ad interim per un utilizzo razionale delle protezioni per infezione da sars-cov-2 nelle attività sanitarie e sociosanitarie (assistenza a soggetti affetti da covid-19) nell'attuale scenario emergenziale SARS-CoV-2 - Gruppo di Lavoro ISS Prevenzione e Controllo delle Infezioni, 28 marzo 2020



--
www.CorrieredelWeb.it

Salute. Come igienizzare e proteggere la pelle delle mani ai tempi del Covid-19

"LE NOSTRE MANI AI TEMPI DEL COVID-19: PROTAGONISTE INCONSAPEVOLI"
AIDECO spiega come detergere igienizzare e proteggere la pelle delle mani, diversa dal resto del corpo

                                                                   
Vale sempre, ma soprattutto in questo periodo, così diverso dalla normalità. 
 
Pandemia da coronavirus e sembra ormai superfluo ricordare quanto sia essenziale lavare le mani. Una delle forme primarie ed importanti di prevenzione delle infezioni batteriche, micotiche o virali, purtroppo come di quella che stiamo vivendo, è proprio l'igiene. 
Questa pratica, che a noi ancora oggi sembra banale, se ben eseguita e con esemplare costanza, ha salvato nel mondo milioni di vite, come da tanti anni ci ricorda l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) con la "Giornata Mondiale per il lavaggio delle mani". Questo momento ci ricorda l'importanza di questo gesto semplice, ma essenziale per la prevenzione delle infezioni trasmissibili.
 
Le mani sono la parte del corpo più esposta
Le prime e più importanti linee guida da seguire per lavarle bene sono infatti dell'OMS e con tutte le altre diffuse in questi giorni (dalle autorità competenti, fino ai social-media), hanno in comune la centralità della detersione e l'igiene delle mani ed il come metterle in atto nel più efficace dei modi.
Infatti, rammenta AIDECO, il continuo contatto con l'ambiente esterno, soprattutto tramite le mani, ci espone ai microrganismi ed ecco perché la necessaria costante attenzione che si deve porre alla loro igiene. La loro frequente pulizia è un fondamentale compendio per il mantenimento della salute dell'individuo ed oggi questo concetto ci è quanto mai chiaro: provvedere alla loro continua detersione o, in alcuni contesti, alla loro igienizzazione o disinfezione, può salvare la vita.
Per loro caratteristica anatomica-funzionale e per la peculiarità cutanea che distingue le mani dal resto del corpo, rappresentano un vero e proprio "lasciapassare" per i microrganismi, anche quelli patogeni. Il ripetuto, e spesso anche inconsapevole, continuo contatto con altre nostre parti corporee (viso, bocca, naso, occhi, capelli) e quelle degli altri (strette di mani, abbracci, carezze, contatti) instaura un vero e proprio circolo vizioso dal quale è difficile ma non impossibile uscirne.
Come ormai noto a tutti, una regolare ed accurata detersione è una prima forma di abbattimento della carica micro-organica che risiede sulla pelle. La veloce rimozione dello sporco e del film idrolipidico di superficie (con tutto quello che ingloba, microrganismi compresi) attraverso l'uso di un buon detergente è sicuramente un imprescindibile punto di partenza. 
 
Da AIDECO il glossario  dell'igiene
Per maggiore chiarezza è opportuno precisare alcuni concetti con un breve glossario: "detergere" corrisponde all'atto di portare via lo sporco, con tutto quello che comporta, microrganismi compresi; "igienizzare" significa pulire una superficie o un oggetto riducendo la carica batterica, spesso per rimozione meccanica tramite un supporto o dell'acqua, e contrastando le sostanze nocive presenti, con l'obiettivo di renderlo più pulito; "disinfettare" vuol dire igienizzare con maggiore accuratezza, ovvero eliminando non solo con un'azione meccanica gran parte dei batteri presenti su una superficie ma uccidendoli (i prodotti sono in genere presidi medico-chirurgici o anche medicinali); "sterilizzare" (pratica non routinaria, usata in campo medico) porta ad eliminare la totalità dei microrganismi. Inoltre va qui sottolineato che si definiscono "prodotti disinfettanti", quelli utilizzati per oggetti o superfici e "prodotti antisettici" quelli usati su tessuti e mucose umani o animali, integri o danneggiati.
 
Gel su base alcolica: utili fuori casa, ma attenzione alle formulazioni e al "fai da te" 
In un particolare momento come questo, solo quando la detersione non è praticabile, come fuori casa, nei luoghi di lavoro oppure (oggi in particolare) presso supermercati e negozi, è consigliabile l'utilizzo di igienizzanti, come ad esempio i famosi gel su base alcolica. In tal caso, ricorda AIDECO, è bene ricordare di evitare ancora di più il contatto con viso, occhi e bocca: alcune sostanze utilizzate in tali formulazioni, affinché siano efficaci, permangono maggiormente sulla cute delle mani e potrebbero causare alcune alterazioni e/o irritazioni cutanee specialmente in zone delicate come quelle appena citate. 
Andrebbe inoltre sconsigliato il ripetuto ed inappropriato utilizzo di igienizzanti troppo aggressivi, ad alto contenuto di profumo e soprattutto gli "home made": soprattutto con il "fai da te" il rischio di provocare danni alla pelle, come ad esempio dermatiti irritative o allergiche o peggio ancora /corrosione, ustioni, è alto.
 
AIDECO raccomanda l'importanza del giusto detergente mani
Ma un'eccessiva esposizione delle mani risente negativamente del continuo contatto con sostanze che possono arrecare danno a lungo termine: prodotti aggressivi, detergenti non specifici, contatti casuali con sostanze irritanti, oltre a quanto sopra esposto, possono peggiorare anche il quadro sintomatico di patologie pre-esistenti, come psoriasi, eczemi, dermatite atopica o disidrosi.
 
Anche lo stesso "detergente mani", se non è formulato in modo dermo-affine (tensioattivi troppo delipidizzanti, sostanze irritanti o sensibilizzanti, assenza di ingredienti ad azione idratante, restitutiva, decongestionante, antiossidante, pH troppo alcalino o troppo acido, etc.), può creare problemi ed alterazioni alla pelle, compromettendo la fisiologia cutanea di zona, specialmente quando usato numerose volte al giorno. 
Bisogna quindi preferire e selezionare prodotti "lavamani" progettati per rispettare la cute: efficacia nella detersione, delicatezza per la pelle.
 
AIDECO - guida alla scelta delle giuste formulazioni per mantenere la pelle idratata e protetta
Inoltre, per non rischiare di danneggiare eccessivamente giorno dopo giorno il naturale film idrolipidico di protezione e non rendere la pelle delle mani più debole e più sensibile alle aggressioni esterne, facilitando così la comparsa di desquamazione, screpolature, arrossamenti e fissurazioni, è fondamentale ricordare di applicare (più volte nell'arco della giornata e soprattutto prima di coricarsi la sera) una crema mani ad azione idratante/protettiva.
Da preferire le formulazioni su base lipidica (emulsioni Acqua in Olio – A/O), contenenti ingredienti idratanti, umettanti, reintegranti/resitutivi. Classici principi funzionali chiamati ad assolvere questi compiti sono ad esempio la vitamina E (INCI: TOCOPHEROL) altamente dermo-compatibile, dalle considerevoli attività antiossidanti e restitutive, la pro-vitamina B5 o Pantenolo (INCI: PANTHENOL) in grado migliorare il ripristino della barriera di protezione cutanea conferendo elasticità, le sostanze ri-lipidizzanti come gli oli (olio di mandorle dolci, INCI: PRUNUS AMIGDALUS OIL), i burri (burro di Karitè, INCI: BUTYROSPERMUM PARKII BUTTER) e le cere (cera d'api, INCI: CERA ALBA BEESWAX). 
La dermo-cosmetologia ha a disposizione un numero molto esteso di ingredienti validi a questo scopo, l'importante è sceglierli in base alla loro più alta eudermia, ossia alla loro capacità da un lato di non alterare in modo eccessivo la cute e dall'altro di saper riportare la pelle quanto più possibile al suo normale stato fisiologico.


--
www.CorrieredelWeb.it

Quarantena e salute del sonno: i consigli degli esperti per scegliere gli integratori naturali giusti, dormire bene e alleviare l'ansia

Quarantena e salute del sonno: i consigli degli esperti per scegliere gli integratori naturali giusti, dormire bene e alleviare l'ansia

Le limitazioni e lo stress connessi all'emergenza che stiamo vivendo hanno effetti negativi sul sonno e sull'umore aggravando le condizioni dei pazienti affetti da ansia e attacchi di panico. I suggerimenti di Metagenics Academy: «Gli integratori alimentari che associano estratti vegetali, magnesio, vitamine B attive e melatonina possono essere un valido aiuto. Ma è fondamentale, anche in quarantena, curare stile di vita e alimentazione».  

 

Di norma un terzo degli italiani adulti ha sofferto di disturbi del sonno nel corso della propria vita, ma oggi la frequenza è in aumento a causa della crisi sanitaria che tutti stanno vivendo. In quarantena è fondamentale seguire alcune regole per mantenere il benessere psicofisico: a indicarle sono gli esperti di Metagenics Academy, la divisione di Metagenics (produttore di integratori alimentari ad alto impatto) impegnata nello studio e nella divulgazione della medicina funzionale. «Oltre allo stress e alle preoccupazioni connessi all'emergenza che stiamo vivendo – spiega Maurizio Salamone, direttore scientifico di Metagenics Italia – ci sono le limitazioni agli spostamenti, l'impossibilità di svolgere attività fisica all'aperto e lo stravolgimento dei ritmi quotidiani. Non possiamo pensare che tutto questo non si rifletta anche sulla nostra capacità di gestire lo stress e sulla qualità del sonno. Dormire male, oltretutto, acutizza ulteriormente l'ansia e il nervosismo, innescando un circolo vizioso che porta a sentirsi sempre stanchi».

 

Un grosso errore, che molti fanno, è quello di abusare di sonniferi, farmaci molto utili ma controindicati in molti gruppi di pazienti: «Si tratta di farmaci che devono essere assunti per un periodo limitato e dietro controllo medico – sottolinea Salamone –. Non solo possono indurre dipendenza, ma comportano anche una serie di possibili effetti indesiderati come disturbi della memoria, minore capacità di concentrazione, capogiri e sonnolenza diurna». Una soluzione non farmacologica è rappresentata dall'uso combinato di estratti vegetali e micronutrienti in grado di sostenere l'addormentamento e la qualità del sonno. «Estratti vegetali come valeriana, melissa e passiflora influiscono positivamente sulle attività del recettore GABA, un neurotrasmettitore con azione inibitoria che aiuta a rilassarsi, a ridurre stress e ansia e facilita il ciclo naturale del sonno, oltre ai noti effetti calmanti» spiega Salamone.

Il magnesio è un minerale indispensabile per contrastare stress, stanchezza, ansia ed eccessiva emotività. «Le quantità raccomandate, 240mg al giorno per adolescenti e adulti, spesso non vengono raggiunte con la sola dieta ed è quindi importante integrare» osserva Salamone. Attenzione alla forma con cui si assume il magnesio: «Per garantirne un assorbimento completo e graduale è preferibile assumere integratori che ne contengono due forme diverse: glicerofosfato di magnesio, che è molto ben tollerato il cui assorbimento avviene nella prima parte dell'intestino tenue, e bisglicinato di magnesio, il cui assorbimento avviene nella seconda parte dell'intestino tenue in un tratto abbastanza lungo». Inoltre, per ottenere un effetto ottimale sul sonno, un buon integratore dovrebbe contenere nella sua formulazione anche le vitamine B6, B9 e B12, la teanina e la melatonina.

 

Tutto questo va affiancato a un corretto stile di vita e a un'alimentazione equilibrata. Il primo consiglio da seguire, e il più impegnativo viste le restrizioni attive in questi giorni, è cercare di mantenere i propri ritmi e orari abituali. «È il ritmo regolare sonno-veglia a determinare la qualità del riposo notturno – spiega Salamone –. Per questo, anche se non bisogna andare a scuola o in ufficio, sarebbe bene svegliarsi e coricarsi sempre alla solita ora». Il lavoro da casa, che molti stanno sperimentando, non deve voler dire essere operativi e connessi ininterrottamente tutto il giorno: occorrono pause, e soprattutto stare lontani dagli schermi almeno un paio d'ore prima di addormentarsi. L'alimentazione ha un ruolo chiave nel garantire il buon riposo: «Anche se in questo periodo la tentazione è quella di "coccolarsi" con il cibo, bisogna sempre mantenere l'equilibrio – sottolinea Salamone –. Andare a letto subito dopo un pasto troppo abbondante porta a un sonno disturbato, ma bisogna evitare anche l'opposto, cioè coricarsi a stomaco vuoto, se non ci si vuole svegliare per la fame nel cuore della notte».

La mancanza di movimento è un altro tasto dolente e occorre sforzarsi di rimanere attivi pur stando in casa: «Un po' di esercizio fisico tutti i giorni rappresenta un grande aiuto per il sonno» conclude Salamone, che però avverte: «Gli esercizi non vanno mai fatti appena prima di andare a letto; in quel momento bisogna preferire esercizi di rilassamento, respirazione e/o meditazione».

 

Metagenics - Metagenics, produttore e distributore leader di micronutrizione di livello scientifico, è un gruppo attivo a livello globale. Metagenics Europe serve e coordina l'intero mercato europeo dalla sua sede centrale a Ostenda (Belgio). Questa è anche la sede dell'azienda di produzione. Metagenics Europe impiega 300 persone in Belgio, Paesi Bassi, Germania, Francia e Italia e ha registrato un fatturato totale di 68 milioni di euro nel 2019. La sede di Metagenics Italia è a Milano.




--
www.CorrieredelWeb.it

MONNALISA CONVERTE PARTE DELLA PRODUZIONE IN MASCHERINE CHIRURGICHE IN TNT PER EMERGENZA CORONAVIRUS

MONNALISA CONVERTE PARTE DELLA PRODUZIONE IN MASCHERINE CHIRURGICHE IN TNT PER EMERGENZA CORONAVIRUS

Consegnati 2 lotti a sostegno delle amministrazioni, forze dell'ordine e personale medico di Arezzo e USL Toscana Sud

Arezzo, 31 marzo

Monnalisa, leader nel settore childrenswear di alta gamma, quotata  sul  mercato  AIM  Italia rinnova la sua disponibilità a fianco dell'emergenza COVID-19.

Dopo aver disposto il 5% del ricavato delle vendite online sul proprio sito monnalisa.com, a favore delle urgenti necessità della sua città, Arezzo, la società ha deciso di  destinare parte dei suoi sforzi produttivi alla realizzazione, di mascherine chirurgiche in TNT  (tessuto non tessuto).

La scorsa settimana, Monnalisa ha consegnato il primo lotto di mascherine usa e getta di circa 2000 unità, alle amministrazioni e forze dell'ordine locali. Questa settimana una tranche di altri 4200 pezzi saranno consegnati alla USL Toscana Sud, per le necessità del personale medico e paramedico. L'iniziativa solidale di Monnalisa è stata supportata anche dalla omonima fondazione, MONNALISA ONLUS.

"Siamo particolarmente grati alla città di Arezzo, che amiamo moltissimo e che ha avuto un ruolo fondamentale nella nostra storia imprenditoriale. Ci sentiamo parte integrante di questa comunità, che include le famiglie di molti dei nostri collaboratori. E' giusto "scendere in campo" e unire le forze, per supportare coloro che in questi giorni stanno lavorando per il bene di tutti; per questo abbiamo convertito parte della nostra produzione alla realizzazione mascherine chirurgiche in TNT",  hanno dichiarato Piero Iacomoni, fondatore di Monnalisa, e Barbara Bertocci, direttore creativo.

Monnalisa SpA (Aim Italia -Ticker MNL), quotata su listino AIM Italia dal 12 luglio 2018 e attiva nel settore del childrenswear di fascia alta, nasce ad Arezzo nel 1968. Distribuisce in oltre 60 Paesi, sia in flagship store diretti che nei più prestigiosi Department Store del mondo e in più di 700 punti vendita multibrand. Alla elevata qualità e stile made in Italy, si affiancano gli investimenti in ricerca e sviluppo, con grande attenzione ai temi della sostenibilità. Conforme alla norma SA8000 e alla certificazione ambientale ISO 14001. Da aprile 2016, è azienda certificata Elite-Borsa Italiana.



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *