CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Cerca nel blog

giovedì 31 maggio 2018

Salute. AC Milan e Mectronic presentano con Franco Baresi la tecnologia laser Theal Therapy

NASCE LA THEAL THERAPY, LA TERAPIA DEI CAMPIONI PER TUTTI PRESENTATA A MILANO DA MECTRONIC IN COLLABORAZIONE CON AC MILAN E CON LA BANDIERA FRANCO BARESI

Dal recupero a tempo di record degli atleti alla cura di edemi, lesioni muscolari e patologie acute fino a ulcere, piaghe ed ernie. 

Il rivoluzionario laser made in Italy, brevettato da Mectronic e scelto da AC Milan per la cura dei propri calciatori, è stato presentato a Casa Milan alla presenza dello storico capitano Franco Baresi. 

Una cura che secondo studi clinici universitari ha effetti immediati sul 97% dei pazienti trattati.

Una vera e propria rivoluzione nel campo della medicina e della fisioterapia in grado, allo stesso tempo, di accelerare il recupero fisico dei campioni dello sport garantendo una rapida guarigione e curare un'ampia gamma di patologie che colpiscono ogni anno milioni di persone in Italia e nel mondo

È questa la potenzialità della Theal Therapy, la terapia laser made in Italy brevettata da Mectronic presentata nella Casa dei rossoneri alla presenza dello staff medico di AC Milan che, da oltre 10 anni, s'affida alle tecnologie made in Italy di Mectronic per il recupero dei giocatori, di importanti esperti del settore fisioterapico e della bandiera rossonera Franco Baresi, sostenitore dell'importanza dell'innovazione nello sport come nella vita di tutti i giorni

Benefici senza precedenti dimostrati anche da studi scientifici: le analisi cliniche condotte presso l'Università di Bari hanno infatti dimostrato che per il 97% dei pazienti il dolore diminuisce immediatamente ed in modo significativo fin dalla prima seduta.

"Credo che il contributo di eccellenze del made in Italy come Mectronic, che si traduce in uno sviluppo di tecnologie sempre più avanzate nel campo della fisioterapia, sia importante nello sport contemporaneo come nella quotidianità di ognuno – ha raccontato l'indimenticato capitano rossonero Franco Baresi – Lo sviluppo di tecnologie rivoluzionarie come il laser di Theal Therapy, una vera e propria terapia dei campioni alla portata di tutti, rappresenta uno strumento d'avanguardia e io e il Milan siamo orgogliosi di poter beneficiare di queste importanti innovazioni create in Italia".

Acronimo dell'inglese "Temperature controlled High Energy Adjustable multi-mode emission Laser", Theal Therapy è una terapia innovativa e brevettata, basata su un'avanzata tecnologia laser fino a 8 lunghezze d'onda ad emissione ed energia modulata e termo-controllata, che consente di massimizzare gli effetti terapeutici in totale sicurezza inducendo, fin dalla prima seduta, un'intensa riduzione del dolore e la ripresa della mobilità. La terapia sfrutta diverse lunghezze d'onda che si possono dosare tra di loro in modo tale da ottenere il mix perfetto per una determinata patologia e per un determinato paziente, adattando il trattamento in base ai parametri fisiologici come età, dolore, fototipo e tipologia di tessuto, migliorando notevolmente le performance terapeutiche e riducendo i tempi di recupero.

"Siamo orgogliosi di fornire da oltre un decennio la nostra tecnologia allo staff medico di una squadra così importante a livello internazionale – ha spiegato nel corso dell'evento Ennio Aloisini, CEO di Mectronic – La lunga e fruttuosa partnership con AC Milan dimostra l'efficacia dei nostri prodotti e in particolare della Theal Therapy, che rappresenta l'ultima evoluzione della fototerapia e della laserterapia. Punto d'arrivo dopo anni di ricerca e innovazione, la Theal Therapy, oltre a curare i più forti campioni del mondo, è la terapia laser per tutti. Viene infatti utilizzata con successo in ambiti completamenti diversi: dal trattamento delle patologie di un atleta quali tendiniti e lesioni muscolari, al trattamento del dolore di un paziente amputato di arto inferiore; dalla cura delle ulcere cutanee e diabetiche al trattamento conservativo delle patologie della colonna, come ernie, lombosciatalgie e radicolopatie".

A livello biologico, grazie all'emissione di mix di lunghezze d'onda personalizzabili, la Theal Therapy agisce stimolando la proliferazione dei fibroblasti con conseguente produzione di collagene al fine di riequilibrare la matrice extracellulare e di rimodellare i tessuti. Gli effetti principali sono di 5 tipologie: biostimolante atto ad accelerare la rigenerazione tissutale, antalgico, riducendo rapidamente il dolore senza effetti collaterali grazie all'innovativa e brevettata emissione stocastica E2C evolution, antinfiammatorio, risultato della profonda stimolazione biologica dei tessuti che innescando la vasodilatazione incrementa l'apporto di ossigeno nei tessuti interessati attivando così le principali attività metaboliche; antiedemigeno, favorendo con la produzione di neovasi il ripristino del microcircolo e la raccolta dei liquidi in eccesso prodotti dai fenomeni infiammatori, e decontratturante, attraverso la perfusione dell'ossigeno nei tessuti muscolari contratti che risolve i problemi topici di ischemia e ipossia favorendo la distensione delle fibre muscolari.

"Da oltre 20 anni utilizzo dispositivi laser per migliorare ed accelerare il recupero fisico di atleti professionisti e da oltre un decennio Mectronic è al nostro fianco con laser che danno risultati estremamente soddisfacenti – ha sottolineato Marco Chaulan, fisioterapista di AC Milan – L'ultima innovazione, la Theal Therapy, rappresenta un'importante evoluzione rispetto ai dispositivi laser fino ad oggi disponibili. Da subito abbiamo ottenuto ottimi risultati sia nel riassorbimento degli edemi, sia nel trattamento del dolore. Abbiamo curato con estremo successo tendiniti, lesioni muscolari e infiammazioni


--
www.CorrieredelWeb.it

domenica 27 maggio 2018

Protezione sanitaria. Industree lancia il nuovo servizio di UniSalute “Protezione Famiglia”.


Industree Communication Hub lancia il nuovo servizio di UniSalute "Protezione Famiglia".

Garantire una vita sana alle famiglie partendo dalla prevenzione: UniSalute ha affidato a Industree Communication Hub la campagna adv per la promozione del nuovo servizio "Protezione Famiglia".

Milano, 17 maggio 2018 - I diversi aspetti legati alla salute dei bambini sono stati alla base della campagna adv che Industree Communication Hub ha realizzato per UniSalute
La compagnia del Gruppo Unipol, che da oltre vent'anni si occupa di protezione sanitaria, ha ideato un nuovo servizio "UniSalute Protezione Famiglia" rivolto in particolar modo ai bambini, ponendo l'accento su un corretto stile di vita da adottare fin da piccoli. 
Il punto di vista preventivo, e non prescrittivo, ha messo al centro del progetto la vita quotidiana dei bambini, ponendo l'accento su alimentazione e avviamento allo sport, con consigli utili di un esperto sempre a disposizione delle famiglie.
L'intera campagna si è incentrata sul concetto di "equilibrio", sottolineato dal claim "Il benessere è una questione di equilibrio". L'operazione commerciale ha voluto evidenziare il continuo scambio di informazioni e servizi a scopi di prevenzione che UniSalute mette a disposizione dei suoi clienti. 
Industree Communication Hub ha realizzato la campagna adv e curato la pianificazione su alcune delle maggiori testate stampa nazionali e sull'emittente radiofonica "RDS 100% Grandi Successi". La campagna radio è on air sulle frequenze RDS dal 30 aprile al 27 maggio.
Le testate stampa coinvolte nella pianificazione sono: Tv Sorrisi e Canzoni, Starbene, Famiglia Cristiana, Vivere Sani e Belli, Corriere della Sera, Il Messaggero, Il Mattino e Il Sole 24 Ore.
***
Industree Communication Hub - gruppo con sedi a Milano, Reggio Emilia, Bologna - realizza progetti integrati di comunicazione per facilitare i processi di innovazione delle aziende. Corporate e HR Communication, Digital e social media marketing sono alcune delle aree in cui l'agenzia ha maturato un'esperienza pluriennale svolgendo attività con le più importanti aziende italiane e multinazionali. Il portfolio clienti include realtà come Ferrero, Barilla, UnipolSai, Panini, Maserati, Linear, Pirelli, Natuzzi, Sanofi, Autostrade per l'Italia, Reale Group, Pernod Ricard e Lamborghini.




--
www.CorrieredelWeb.it

La salute è il primo obiettivo: Move Week al via dal 28 maggio la settimana europea dello sport per tutti



La salute è il primo obiettivo: Move Week 2018, al via la settimana europea del "movimento".
Dal 28 maggio in tutta Italia 200 iniziative coordinate dall'Uisp in 55 città.

In Europa saranno oltre duemila gli eventi dedicati all'attività motoria e alla salute, in 20 diversi Paesi. 

Roma, 27 maggio - Lunedì 28 maggio scatta la 7^ edizione della MOVE Week: una settimana di mobilitazione dedicata alla promozione dello sport per tutti e di stili di vita attivi, che si svolge ogni anno in tutta Europa. 

L'iniziativa internazionale è promossa dall'ISCA - International Sport and Culture Association, con l'obiettivo di incrementare del 20% il numero di europei fisicamente attivi entro il 2020. 

In Italia la campagna è coordinata dall'Uisp-Unione Italiana Sport Per tutti, con il patrocinio dell'ANCI e si terrà in 55 città, dove saranno organizzati oltre 200 eventi sportivi con centinaia di volontari e di società sportive del territorio, associazioni, Aziende Sanitarie locali e Istituti scolastici, hanno inserito le loro proposte nel calendario della Move Week.

Molte attività sportive saranno protagoniste degli eventi, con coreografie e musica, ginnastiche e danze capaci di coinvolgere persone di tutte le età. Non mancheranno tornei di calcio, basket e pallavolo fino a equitazione, zumba, giochi tradizionali, yoga e biciclettate. 

Regine delle proposte saranno le camminate: lunedì 28 maggio si parte con la "Camminata per la città" di Terni, il 30 maggio "Camminata in compagnia al lago" a Montopoli in Val d'Arno e "Camminata a Parcobaleno" a Mantova, il 28 e il 29 maggio a Cividale del Friuli si cammina al chiaro di luna con "Walkingrunbynight". 


La "Camminata della salute" si terrà il 30 maggio a Mantova e il 31 a Cremona, gruppi di cammino sono in programma a Matera, Reggio Emilia, Gorizia e Monfalcone. Appuntamenti di nordic walking a Putignano (Ba) il 28 maggio e a Bologna il 30 maggio.

Anche la bicicletta sarà protagonista di molte iniziative inserite nel calendario di Move week Italia: ciclopasseggiate in programma a Casalmaggiore e Soncino, in provincia di Cremona, e a Pomarico (Mt), pedalata in tandem e bici a Bologna, il 30 maggio, e "Pedalando…pedalando" a Vittoria (Rg) il 31. Domenica 3 giugno arriva Bicincittà a Lavello (Pz), Calatafimi Segesta (Tp), Mazara del Vallo (Tp) e Pignataro maggiore (Ce). 

Mentre Summerbasket, il torneo itinerante Uisp di street basket 3 contro 3, incrocerà il calendario di Move week l'1 e 2 giugno a Matera. 

Ginnastiche dolci e yoga verranno proposte dal nord al sud d'Italia: a Gorizia il 29 maggio si potrà praticare hatha yoga, a Bologna tra il 29 maggio e il 3 giugno appuntamenti con pilates, yoga e ginnastica posturale e "Meditando e giocando" a Matera il 31 maggio con tai-chi e qi gong.

Proposte sportive per coinvolgere tutta la famiglia in programma ad Enna il 29 maggio con "Famiglie in movimento", a Locri il 3 giugno con "Nonni e bambini: giochi del passato e cammino del futuro", il 30 maggio a Comiso con "Calciando con papà"

Feste dello Sport in piazza o negli impianti sportivi, organizzate da Comitati Territoriali Uisp e associazioni locali, sono previste a Roccapiemonte (Sa) e Catania il 28 maggio, Parma e Porto San Giorgio (Fermo)  il 1 giugno. Torna come ogni anno l'iniziativa "Una scala al giorno", che invita tutti i cittadini ad usare le scale al posto  dell'ascensore, con varie declinazioni sul territorio: ad esempio a Siracusa ci sarà "Take the stairs" e a Quartu Sant'Elena "Una scala per la vita".

Ecco tutte le città di Move week 2018: Bologna, Napoli, Vicenza, Parma, Enna, Reggio Emilia, Matera, Gorizia, Lecce, Trieste, Crotone, Crema, Rovigo, Pordenone, Catania, Piancavallo (Pn), Roccapiemonte (Sa), Castegnato (Bs), Siracusa, Narni Scalo, Terni, Cremona, Vairano Patenora (Ce), Mazara del Vallo (Tp), Montopoli in Val d'Arno (Pi), Casalmaggiore (Cr), Soncino (Cr), Lavello (Pz), Calatafimi Segesta (Tp), Roverchiara (Vr), Villabartolomea (Vr), Mantova, Montebello (Pg), S. Egidio (Pg), Pretola fraz. Perugia, Sant'Arcangelo (Pz), Avola (Sr), Pignataro Maggiore (Ce), Bisceglie (Bt), Legnago (Vr), Arcugnano (Vi), Porto San Giorgio (Fm), Piazza Sant'Oronzo (Le), Capriva del Friuli (Go), Comiso (Rg), Vittoria (Rg), Ciriè (To), Putignano (Ba), Quartu Sant'Elena (Ca), Cividale del Friuli (Ud), Melendugno Sant'Andrea (Le), Giffoni Valle Piana (Sa), Valsinni (Mt), Locri (Rc), San Salvario (To), Ro Ferrarese (Fe), Pomarico (Mt), Gallarate (Va).

venerdì 25 maggio 2018

Festival della Scienza Medica: venerdì 1 giugno a Bologna M. Rosbash, Nobel per la Medicina 2017 (ritmi circadiani)

L'OROLOGIO BIOLOGICO CHE REGOLA I RITMI DELL'ORGANISMO

AL FESTIVAL DELLA SCIENZA MEDICA DI BOLOGNA IL PREMIO NOBEL PER LA MEDICINA 2017 MICHAEL ROSBASH

Venerdì 1 giugno la lectio magistralis sui ritmi circadiani, i moscerini della frutta e il finanziamento pubblico alla ricerca di base. 

E' la prima uscita pubblica in Italia dello scienziato americano dopo il prestigioso riconoscimento dell'Accademia svedese.

 
La nostra vita è scandita da un orologio interno che sincronizza le oscillazioni periodiche di numerosi processi biologici con quelli della rotazione terrestre. E' questo "timer interno" ad indicarci quando è il momento di dormire e quando è il momento di svegliarci. La scoperta del sistema di controllo di questi meccanismi – che nel loro complesso costituiscono il ritmo circadiano (circa diem) – ha valso allo scienziato americano Michael Rosbash, assieme ai colleghi Jeffrey Hall e Michael Young, il Premio Nobel per la Medicina 2017.
 
Michael Rosbash terrà la lectio magistralis "Ritmi circadiani, moscerini della frutta e finanziamento pubblico alla ricerca di base" nell'ambito della quarta edizione del Festival della Scienza Medica di Bologna "Il Tempo della Cura" il 1 giugno alle ore 11 presso l'Aula Magna di Santa Lucia (ingresso libero fino ad esaurimento posti). Quella bolognese è la prima uscita pubblica in Italia del professore di Neuroscienze della Brandeis University di Boston dopo il prestigioso riconoscimento dell'Accademia svedese. 

L'intervento del Premio Nobel sarà introdotto dal Presidente di Genus Bononiae. Musei nella Città Fabio Roversi-Monaco e sarà coordinato da Giuseppe Plazzi, professore di Scienze biomediche e neuromotorie all'Università di Bologna.
 
Utilizzando i moscerini della frutta (Drosophila) come organismo modello, i tre scienziati sono riusciti a isolare il gene che regola il normale ritmo biologico quotidiano, dimostrando come questo codifichi una particolare proteina – denominata PER - che si accumula nelle cellule durante la notte e viene poi degradata nell'arco della giornata: i livelli della proteina PER oscillano su un ciclo di 24 ore, in sincronia con il ritmo circadiano. 

Successivamente, hanno individuato ulteriori componenti proteici di questo sistema, svelando il meccanismo che governa l'orologio autosufficiente all'interno della cellula. Un meccanismo che nell'uomo funziona con particolare precisione: il nostro orologio interno adatta così la nostra fisiologia alla diverse fasi della giornata, regolando funzioni critiche come i livelli ormonali, il sonno, la temperatura corporea e il metabolismo.
 
Quando c'è un disallineamento, anche solo temporaneo, tra l'ambiente esterno e il ritmo biologico interno – basti pensare al jet-leg - il nostro benessere vacilla: ad una costante mancanza d'equilibrio tra stile di vita e ritmo circadiano è infatti associato un aumento del rischio di incorrere in malattie.
 
"Gli ultimi 35 anni hanno segnato un profondo cambiamento nel campo dei ritmi circadiani. Questa 'era molecolare' si è aperta con gli studi su Drosophila, il moscerino della frutta, un modello della ricerca in genetica da oltre 100 anni. Insieme ai miei colleghi abbiamo identificato i meccanismi sottostanti la sincronizzazione circadiana, scoprendo che tali meccanismi si sono conservati evolutivamente in tutti gli animali", spiega Michel Rosbash
 
"In altre parole – prosegue il Premio Nobel - i progressi ottenuti dallo studio di Drosophila sono trasferibili alla ricerca sugli esseri umani.  Nel moscerino, come nell'uomo, l'orologio circadiano governa infatti larga parte di tutta l'espressione genica. Questo spiega come una considerevole parte della fisiologia animale (dalla biochimica al metabolismo, dall'endocrinologia al comportamento e al sonno) risulti sotto il controllo circadiano. Studiare il rapporto tra la funzione circadiana, il cervello ed il sonno nel moscerino è ulteriormente facilitato dal fatto che l'orologio circadiano del cervello di Drosophila conta solo su 75 coppie di neuroni, a confronto con la complessità del cervello dei mammiferi. Il mio campo di ricerca è stato principalmente finanziato dai National Institutes of Health degli Stati Uniti, che rimangono strategici per sostenere e portare avanti la ricerca volta a migliorare la salute".
 
"Con la lectio magistralis dell'ultimo Nobel per la Medicina, il Festival della Scienza Medica prosegue e persegue la sua missione di promozione, di incontro e di confronto per la comunità scientifica, ma anche di divulgazione rigorosa delle scoperte medico-scientifiche al grande pubblico – commenta il Presidente di Genus Bononiae. Musei nella Città Fabio Roversi-Monaco -. Non si ferma l'impegno per una diffusione della conoscenza sul fronte della ricerca anche allo scopo di combattere la disinformazione che, tra fake news e mancanza di approfondimenti, sembra oggi, sempre di più, avere il sopravvento".


--
www.CorrieredelWeb.it

In Italia il 6° meeting mondiale sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro (summit e premiazioni)

6° GLOBAL HEALTHY WORKPLACE AWARDS&SUMMIT

DA TUTTO IL MONDO A BERGAMO PER PREMIARE SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

6 – 7 settembre 2018

EX-Monastero di Sant'Agostino

Via delle Mura, 2 - Bergamo

Bergamo, 25 MAGGIO 2018 - Dopo Londra 2013, Shanghai 2014, Florianopolis (Brasile) 2015, Washington DC 2016, Singapore 2017, il Global Center for Healthy Worplaces, ente di certificazione internazionale, sceglie Bergamo, per la prima volta nella sua storia, come meta del 6° Global Healty Workplace Awards & Summit.

L'evento, in programma il 6 e il 7 settembre 2018, celebra e premia a livello mondiale le aziende che più si sono impegnate, in accordo con il modello di azione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, nella promozione della salute nei luoghi di lavoro.

La scelta di Bergamo non è casuale: ATS Bergamo infatti, grazie all'alleanza con Confindustria Bergamo, ha attivato nel 2012 il primo programma standardizzato di promozione della salute nei luoghi di lavoro (WHP) in Lombardia, diventando modello virtuoso anche a livello europeo.

I temi del Summit, illustrati in presenza del direttore della Scuola di Affari Internazionali degll'Istituto di Studi politici di Parigigià presidente del Consiglio dei ministri italiano, Enrico Letta, e di numerosi esperti di fama internazionale, spazieranno dallo sviluppo di programmi innovativi per promuovere salute e benessere al lavoro, alle nuove sfide aperte dall'Intelligenza Artificiale nella promozione del benessere, fino agli investimenti in salute e ai fattori di successo e gli elementi innovativi rileavti nella creazione di ambienti di lavoro salubri.

il Premio viene assegnato a due aziende multinazionali, due medie imprese e due piccole aziende da una giuria d'eccellenza: Stephen Bevan, Institute for Emplyment Studies UK, Alberto Jose Niituma Ogata, ABQV Brazil, Joseph A. Leutzinger, Health Improvement Solutions USA, Edieth Essie Clarke, M.Ed Sci Occupational Health, FZ Safety & Healty Centre of Ghana e dalla prof. Cordia Chu AM, Centre for Enviornment and Population Health, Griffith University Australia.


--

Pidocchi addio: dagli USA la tecnologia green per trattare la pediculosi senza ricorrere a prodotti chimici

Dire definitivamente addio ai pidocchi in un'unica seduta: arriva dagli Stati Uniti la tecnologia per sconfiggere la pediculosi senza ricorrere a trattamenti chimici invasivi.

Disponibile nei Centri per i Pidocchi d'Italia, il metodo approda nel nostro Paese con un franchising di successo.


Milano, 25 Maggio 2018. La bella stagione è arrivata e, complici le temperature gradevoli e le giornate più lunghe, tanti bambini possono finalmente giocare all'aria aperta.

Come ben sanno mamme e papà, tuttavia, il caldo porta con sé anche un piccolo nemico dei più piccoli (e non solo): i pidocchi. 

E se fino a qualche anno fa il trattamento consisteva in un deciso taglio delle chiome e nell'utilizzo di shampoo a base di agenti chimici, costosi e aggressivi per la cute, oggi finalmente si volta pagina.

La soluzione alla pediculosi, infatti, arriva dagli Stati Uniti ed  è una tecnologia brevettata dall'Università dello Utah che, grazie allo sprigionamento di aria calda, permette di disidratare i pidocchi e lendini a tutti gli stadi, provocandone l'immediata scomparsa. In una sola seduta.

La pediculosi è molto comune: ogni anno, infatti, ne vengono colpite più di 2 milioni di persone in Italia. Bambini, in particolare tra i 3 e gli 11 anni, ma anche quanti gravitano intorno al mondo dell'infanzia (genitori, nonni, insegnanti, baby sitter) e chi viaggia spesso, per motivi di lavoro o per svago. 

Nonostante si tratti di un fenomeno capillare, fino alla comparsa della tecnologia ad aria calda la risposta più efficace contro i pidocchi proveniva dai laboratori, con l'utilizzo di prodotti chimici che, oltre a essere potenzialmente nocivi per l'ambiente, causavano in molti casi allergie e reazioni cutanee. 

E, soprattutto, un lavoro lungo e faticoso per il genitore, alle prese con ripetute sedute che non garantivano la certezza del risultato.

La "rivoluzione" made in U.S.A è disponibile oggi anche nel nostro Paese presso i Centri per i Pidocchi d'Italia, una catena in franchising che trae ispirazione dagli Stati Uniti e conta già tre centri attivi, uno a Milano (nel quale sono già stati effettuati oltre duemila trattamenti in due anni) e due a Roma: l'obiettivo è aprire almeno 30 nuove sedi entro un paio di anni su tutto il territorio nazionale. 

Una sfida che sembra importante già sul nascere, visti i numeri di adesioni alla nuova tecnologia e al successo degli stessi trattamenti scelti da genitori sfiniti dal lavoro certosino della rimozione dei pidocchi. 

Scegliere i Centri per i Pidocchi d'Italia significa mettere in pratica ciò che sta alla base di questa rivoluzione medica: il rimedio alla pediculosi non è più il prodotto, ma la tecnologia, non è più cosa combattiamo ma come lo combattiamo.

"Grazie alla tecnologia AirAllé® trattiamo le infestazioni da pidocchi presso i nostri centri in una sola volta – dichiara Mercedes Domingo, responsabile dello sviluppo in Italia del progetto. Le mamme possono finalmente stare tranquille e smettere di passare ore e ore sui capelli dei propri figli: il nostro trattamento è il più veloce, efficace e non utilizza prodotti chimici e tossici!".

Come funziona? Messo a punto sulla base di una ricerca condotta dal parassitologo statunitense Dale Clayton, è un dispositivo medico brevettato approvato dalla Food and Drug Administration e registrato presso il Ministero della Salute italiano, che funziona erogando aria calda sui capelli asciutti e districati con l'ausilio di uno speciale applicatore monouso. 

Una combinazione di temperatura, flusso d'aria, tempo e tecnica di utilizzo che colpisce pidocchi e uova, consentendone così una rapida eliminazione (una seduta tipo ha una durata media di circa un'ora e garantisce la completa rimozione di lendini e parassiti).

Non più sostanze chimiche o shampoo che rovinano i capelli, ma un trattamento rapido, efficace e rispettoso della persona e dell'ambiente: grazie alla tecnologia ad aria calda grandi e bambini possono finalmente dire addio a una delle loro più grandi paure!


--
www.CorrieredelWeb.it

Nobis Filo diretto Assicurazion: da oggi con l'assicurazione salute c'è anche il check-up!

DA OGGI NELLA POLIZZA SALUTE VALEAS 
È INCLUSO ANCHE IL CHECK-UP!

Agrate Brianza, 25 maggio 2018. Mantenere costantemente monitorato il proprio stato di salute, soprattutto dopo una certa età, è fondamentale per prevenire l'insorgenza delle patologie più comuni. 

Spesso, tuttavia, effettuare i dovuti controlli periodicidiventa una vera e propria "mission impossibile", sia per questioni puramente economiche che per le crescenti difficoltà di accesso ai servizi del sistema sanitario nazionale. Una conferma che arriva anche dal rapporto di Cittadinanzattiva dal titolo "Sanità pubblica prima scelta, ma a caro prezzo"in cui emerge chiaramente che oltre il 40% degli italiani non è soddisfatto dei tempi di attesa necessari per effettuare visite mediche e specialistiche.

La soluzione al problema? Una polizza salute, come Valeas di Nobis Filo diretto Assicurazioni, che permetta di abbreviare i tempi d'attesa, scegliere la strutturaospedaliera in cui essere visitati e ottenere il rimborso delle spese sostenute. 

Non solo: nelle sue formule Valeas Top e Valeas Global, la polizza da oggi offre l'esclusiva garanzia "Check-up"che permette di effettuare ogni due anni un set di esami diagnostici e di laboratorio, diversificati per genere e fasce d'età

Un vantaggio importantissimo per gli italiani, soprattutto in un contesto in cui la prevenzione sanitaria sta diventando, giorno dopo giorno, sempre più centrale. 

Basta pensare che, come conferma il 51° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2017, nel decennio 2006/16 è diminuito il numero dei fumatori (dal 22,7% al 19,8%) e dei sedentari assoluti (dal 41,1% al 39,2%), mentre nel periodo 2005/15 sono aumentate in modo esponenziale le donne di età compresa tra i 25 e i 69 anni ad essersi sottoposte a un pap test (dal 69,4% all'84%) e le over 45 ad aver fatto una mammografia (dal 58,6% all'86,4%).

Una nuova presa di coscienza che grazie a Valeas si traduce in una maggiore sicurezza per la propria salute e per quella della famiglia. 

La polizza di Nobis Filo diretto, oltre ad assicurare il rimborso delle spese medico-sanitarie, garantisce infatti il supporto di una Centrale Operativaattiva 24 ore su 24, 365 giorni l'annoin modo da offrire un'assistenza continua e utili servizi come il consulto medico, l'invio di un medico e la consegna dei farmaci a domicilio, il trasporto in ambulanza, il viaggio di un familiare in caso di ricovero all'estero e un servizio di baby sitting per minori.

NOBIS FILO DIRETTO ASSICURAZIONI
Nobis Filo diretto Assicurazioni è il marchio commerciale di Nobis Compagnia di Assicurazioni a valle della fusione con Filo diretto Assicurazioni. 
Una nuova realtà assicurativa, con un volume di affari di circa 200 milioni di euro nei rami danni, che affonda le proprie radici nell'esperienza trentennale di Filo diretto nell'assistenza ed è forte del know how specifico nell'automotive di Nobis.
Gli elementi di grande complementarietà sia sul piano della distribuzione geografica, sia soprattutto dell'offerta delle due compagnie permettono a Nobis di coprire a 360° il mercato danni retail nei principali rami danni proponendo polizze ad elevato contenuto di servizio in 4 principali aree di bisogno: turismo e viaggi, auto e mobilità, salute, casa e assistenza, cui si aggiunge l'offerta rivolta a imprese e professionisti. 
Tutti i prodotti della nuova compagnia sono pensati per soddisfare i bisogni dell'individuo in termini di protezione, sicurezza e comodità e si avvalgono del supporto della Centrale Operativa, del Servizio Medico e del Call Center, operativi 24 ore su 24, 365 giorni l'anno. 
La nuova entità opera attraverso una rete di circa 600 partner sul territorio tra agenti di assicurazione plurimandatari e broker oltre ai canali specializzati nella distribuzione di polizze viaggi e auto. La Compagnia intrattiene inoltre consolidati rapporti con i più importanti broker nazionali e internazionali.
Maggiore azionista e presidente di Nobis Compagnia di Assicurazioni è Alberto Di Tanno, Cavaliere della Repubblica.


--
www.CorrieredelWeb.it

Sanità. Al via il progetto Nupla: Meditalia e il Centro Nazionale Sangue insieme per sviluppare le potenzialità cliniche del sangue placentare

Al via il progetto Nupla: Meditalia e il Centro Nazionale Sangue insieme per sviluppare le potenzialità cliniche del sangue placentare

Il programma italiano punta a dimostrare l'efficacia di nuovi prodotti medicali derivati dagli emocomponenti e a procedere alla revisione delle norme che ne regolano l'utilizzo.

Milano, 24 maggio 2018 – Dimostrare l'efficacia dei materiali derivati dagli emocomponenti del sangue placentare nella cura di diverse patologie, per consentire al mondo della ricerca e all'industria di produrre innovativi farmaci e dispositivi medici che possano migliorare le cure e la qualità della vita dei pazienti nei prossimi anni. È questo l'obiettivo del progetto Nupla, promosso da Meditalia – azienda basata a Lovero (Sondrio) specializzata in semilavorati e prodotti finiti per il settore medicale – in collaborazione con il Centro Nazionale Sangue – autorità competente per le attività trasfusionali per conto del Ministero della Salute – allo scopo di condurre studi scientifici finalizzati allo sviluppo dei nuovi prodotti e procedere alla necessaria revisione regolatoria per autorizzarne la produzione e l'impiego.

La ricerca sugli emocomponenti ottenuti dal sangue placentare sta vivendo un momento di fermento con lo studio di nuove applicazioni terapeutiche che vadano al di là del trapianto di cellule staminali per cui è utilizzabile solo il 10% delle unità donate, che negli ultimi 30 anni sono state 700.000 conservate in 160 banche pubbliche del mondo. In quest'ottica, negli anni scorsi i ricercatori del Policlinico di Milano hanno messo a punto un concentrato piastrinico per il trattamento di ulcere e altre patologie dei tessuti, una procedura pioneristica poi standardizzata sul territorio nazionale con il coordinamento del Centro Nazionale Sangue. I risultati incoraggianti ottenuti in questa ricerca hanno spinto Meditalia e il Cns a lanciare il progetto Nupla: dedicato a "Nuovi reagenti, dispositivi medici, emoderivati e farmaci ottenuti dal sangue placentare", da un lato punterà ad approfondire gli studi sul gel piastrinico, dall'altro a estenderli a prodotti ottenuti da altri emocomponenti del sangue placentare come plasma, siero e globuli rossi.

Nell'arco dei 18 mesi di attività previsti, il progetto si articolerà in due parti: quella scientifica e quella amministrativo-regolatoria, volta alla revisione delle norme che regolano l'utilizzo dei materiali biologici e le loro eventuali trasformazioni farmaceutiche da parte di strutture cliniche e industrie del settore. Il pieno sviluppo dei nuovi emocomponenti, reagenti e farmaci necessita infatti dell'armonizzazione regolatoria nazionale e internazionale nell'ambito degli emoderivati, dei reagenti, dei devices e dei farmaci che potranno essere prodotti dagli stessi (come creme dermatologiche, preparazioni oftalmiche, cerotti e garze biomedicali), mediante collaborazioni industriali sviluppate in conformità con i principi etici alla base della donazione volontaria e non remunerata del sangue.
Dall'Italia il processo punta a coinvolgere anche altri Paesi europei interessati a valorizzare le potenzialità del sangue placentare, come Francia e Spagna, dove è già stato siglato un accordo tra Meditalia e la Banc de Sang y Teixits di Barcellona.

Operativo da aprile, il progetto Nupla verrà presentato alla Comunità scientifica il 24 maggio durante il 43° Convegno Nazionale di Studi di Medicina Trasfusionale del SIMTI (Società italiana di medicina trasfusionale e immunoematologia) al Centro congressi del Porto antico di Genova.

Il progetto si rivolge alle 18 Banche del sangue cordonale pubbliche attive in Italia e sarà coordinato da Simonetta Pupella, Direttore Area sanitaria e sistemi ispettivi del Cns, e Paolo Rebulla, Direttore scientifico di Meditalia. L'azienda di Lovero potrà offrire un importante contributo alla parte scientifica del progetto grazie al Kit Bionest, un innovativo sistema di sacche pensato come un vero e proprio nido per la coltivazione e la conservazione di materiali biologici, che consente di facilitare la procedura di preparazione e utilizzo clinico dei nuovi emocomponenti. Dopo aver ricevuto l'autorizzazione all'immissione in commercio da parte dell'Unione europea ad aprile, il Kit sarà distribuito in Italia a partire da fine maggio.

"Con il progetto Nupla puntiamo a proseguire nella valorizzazione delle potenzialità cliniche e terapeutiche del sangue placentare, una risorsa troppo importante per essere sprecata", ha affermato Paolo Rebulla. "Grazie agli studi e alle sperimentazioni condotti negli ultimi anni da enti pubblici e soggetti privati, l'Italia sta recitando un ruolo da protagonista in un processo di ricerca che potrà portare benefici importanti ai pazienti di tutto il mondo".
 
"Con il progetto Nupla auspichiamo di raccogliere ulteriori importanti evidenze biologiche a supporto dell'utilità del sangue placentare in nuovi e differenti ambiti di impiego clinico di alcuni suoi componenti" ha affermato Giancarlo Liumbruno, Direttore generale del Centro nazionale sangue. "Auspichiamo inoltre che gli sviluppi attesi, anche in ambito farmaceutico, consentano di continuare a valorizzare il sangue placentare donato dalle mamme quale risorsa biologica preziosa anche quando non impiegabile per le primarie finalità del trapianto emopoietico."


--
www.CorrieredelWeb.it

Sorrisi Assicurati, nasce la copertura odontoiatrica accessibile a tutti con impronta ottica 3D


Sorrisi Assicurati, nasce la copertura odontoiatrica accessibile a tutti 
con impronta ottica 3D
Il 25 maggio, alla Casa del Cinema di Villa Borghese, la presentazione del nuovo servizio proposto da Medical Pro Forma in collaborazione con Carestream e Groupama Assicurazioni
Cresce la spesa per cure odontoiatriche e sono molte le persone costrette a rinunciare a visite e assistenza medica: il dentista, secondo il rapporto Istat pubblicato a ottobre 2017, è al primo posto del paniere dei fabbisogni e, nella fascia di pazienti sopra i 15 anni, solo l'11,7% ha usufruito del servizio pubblico per la salute orale, l'86,9% si è rivolto al privato e l'80% ha sostenuto una spesa di tasca propria. Per colmare il deficit sociale innescato da prestazioni dai costi elevati nasce Sorrisi Assicurati, la copertura assicurativa odontoiatrica che rende accessibile a tutti, con meno di 15€ al mese, cure e servizi presso i centri specialistici convenzionati.

Il servizio, realizzato da Medical Pro Forma, in collaborazione con Groupama Assicurazioni prevede cure odontoiatriche di alta qualità, tra cui check up con impronta ottica 3D, visite specialistiche, pulizie dentali con ablazioni ad ultrasuoni e ulteriori prestazioni odontoiatriche. La nuova formula assicurativa, prima ed unica nel suo genere, può essere utilizzata esclusivamente nelle strutture mediche convenzionate.  Attualmente attiva nelle cliniche Medical Pro Forma di Roma e Latina, sarà poi estesa alle cliniche delle altre principali città italiane.

Per spiegare le innovazioni del nuovo prodotto assicurativo, il 25 maggio a Roma - alle ore 10:30, presso la Casa del Cinema di Villa Borghese – è in agenda il lancio di Sorrisi Assicurati. Alla presentazione prenderanno parte: il Direttore Reti & Partnership di Groupama Assicurazioni Stefano Cecchini, il Direttore Generale di Medical Pro Forma Giorgia Miccolis, il Direttore Commerciale Italia di Henry Schein Krugg (azienda leader mondiale di prodotti e tecnologie odontoiatriche), il Dr. Vittore Dal Bon e il Dr. Alessandro Cedrati Sales Leader Italia di Carestream Dental, il Dott. Andrea Censi dello studio Censi e Salvatori, consulente fiscale Medical Pro Forma, che presenteranno la partnership con Sorrisi Assicurati per l'utilizzo dello scanner intraorale di ultima generazione CS 3600, inserito nel protocollo clinico di Sorrisi Assicurati. Tra gli altri interventi in programma, il Professore Francesco Carinci, Chirurgo maxillo-facciale dell'Università di Ferrara e Direttore del Laboratorio di Biologia Molecolare LAB (Consulente scientifico Medical Proforma), illustrerà la correlazione tra salute orale e salute sistemica, evidenziando quanto una prevenzione costante si traduca in una maggiore sicurezza per tutta la famiglia.

Per la prevenzione e la salute orale, l'approccio dei pazienti è molto diverso rispetto agli altri tipi di cura, perché costretti ad accedere quasi esclusivamente al privato, con ovvie barriere economiche per i meno abbienti, provocando una notevole discriminazione sociale. Con Sorrisi Assicurati si punta ora ad orizzonti finora inesplorati, garantendo un'assicurazione odontoiatrica "democratica" che si traduce anche in vantaggio fiscale come welfare aziendale per le imprese che decidono di aggiungere il servizio.


--
www.CorrieredelWeb.it

Meeting Giovani e Cuore Aritmico 2018: Un libro d'artista per fare prevenzione. A cura dell'Associazione Geca Onlus. Hotel Laguna Palace, Mestre (VE), sabato 26 maggio 2018


Meeting Giovani e Cuore Aritmico 2018

Presentazione del libro dell'artista Stefano Reolon

Sabato 26 maggio 2018

Hotel NH Venezia Laguna Palace
Viale Ancona, 2 - 30172 Mestre, Venezia

Durante il Meeting Giovani e Cuore Aritmico 2018 che si terrà sabato 26 maggio dalle ore alle ore 9.30 alle ore 14.30 presso l'Hotel Venezia Laguna Palace di Mestre sarà presentato ufficialmente il libro che l'artista Stefano Reolon ha ideato in collaborazione con la prof.ssa Barbara Bauce e le dott.sse Viviana Marcon e Fabiana Micheluzzi, per la nuova campagna di sensibilizzazione dell'associazione Geca Onlus di Padova rispetto alle malattie cardiache di impronta genetica.  
Il nuovissimo progetto editoriale intende far avvicinare le giovani generazioni all'associazione Geca Onlus, che opera da vent'anni per  sostenere le persone affette da malattie cardiache eredo familiari e le loro famiglie, attraverso uno strumento immediato, creativo, fresco e diretto quale l'arte contemporanea

Un progetto editoriale che riunisce arte, bellezza, prevenzione, informazione e che parla direttamente ai giovani ed in particolare alle scuole del territorio.
Il  testo illustrativo di Stefano Reolon si ispira al mondo dei manga giapponesi ma anche allo slang dei giovani; il tutto condito da una vena fortemente pop e da colori fluo. 

Un modo estremamente creativo di comunicare ai giovani ciò di cui a volte si fa fatica a parlare, la malattia, che spesso viene intesa come sinonimo di diversità ed isolamento.
L'opera, che utilizza un linguaggio diretto e familiare, è il risultato di un'intensa collaborazione tra due linguaggi apparentemente diversi, quello medico e quello artistico, con lo scopo di comunicare alcuni concetti fondamentali di prevenzione.
L'artista Stefano Reolon ha saputo tradurre in modo magistrale messaggi importanti, traducendoli in immagini forti ed incisive rivolte ai giovani.
Attraverso le fresche e suggestive illustrazioni e i dialoghi, che sono stati realizzati attingendo a piene mani dagli studi effettuati dalle psicologhe che collaborano con l'associazione Geca onlus, Viviana Marcon e Fabiana Micheluzzi, e dalla collaborazione con la dott.sa di Cardiologia Barbara Bauce, si è approdati ad una comunicazione alternativa e più incisiva, che vuole sensibilizzare i ragazzi ad avere un occhio di riguardo per se stessi e ad ascoltare il proprio corpo.
Il Meeting Giovani e Cuore Aritmico è organizzato dall'associazione Geca Onlus di Padova e certficato ECM dal Provider ID.1884 Dipartimento di Medicina

Gode dei patrocini di Regione Veneto, Ulss 3, Ordine Provinciale del Medici Chirurghi  e degli Odontoiatri di Venezia, Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Medicina- Dimed, Dipartimento di Scienze Cardiologiche Toraciche e Vascolari Unipd, Associazioni amiche di Telethon, Liceo Artistico Statale M. Guggenheim di Venezia, IC L. Spallanzani di Venezia.
Il meeting di quest'anno è dedicato al Presidente Onorario dell'associazione, prof. Andrea Nava, tristemente scomparso di recente.

Scheda tecnica
Provider id 1884
Dipartimento di Medicina - Dimed
Sig.ra Cristina Degan
Palasanità - stanza n. 46
Tel. 049/821.8689


Segreteria organizzativa
Giovani e Cuore Aritmico Onlus
via P.P. Vergerio 19/1, 35120 Padova
Telefono: 049 802.0719

Alimentazione: mangiare meno carne. Il manifesto dei “Meatless lovers”

Il manifesto dei "Meatless lovers":
1. Il cibo deve essere buono, bello e vario perché mangiare è uno dei piaceri della vita. Esso deve essere dal gusto deciso e fruibile in ogni occasione della giornata, senza dimenticare che anche gli altri sensi vogliono la loro parte.
2. Hanno rispetto per ciò che mangiano. Il Meatless Lover sta attento a non sprecare quanto cucinato sia perché è un atto di inciviltà sia perché il tempo corre velocemente e non può essere perso, tanto più nella preparazione di pietanze che sono destinate a non essere consumate.
3. Sperimentare è un'opportunità, non un rischio, poiché il mondo vegetale offre un'infinità di combinazioni e sapori, provate anche dai migliori chef nazionali e internazionali. Per questo motivo sperimentano, associano e azzardano anche gusti impensabili, ma con ottimi risultati.
4. Spendono più tempo a tavola che in cucina, durante la settimana sono sempre divisi tra carriera, famiglia, amici, divertimento ed esperienze che li portano a conoscere il meglio del mondo e loro stessi. Da qui nasce la necessità di potersi affidare anche a prodotti già pronti al consumo ma ricchi di sapore e innovazione.
5. Sono trendy e open-minded, dato che essere "Meatless lovers" non deve essere inteso in modo restrittivo ma è uno stile di vita aperto alle novità, interessato,  pronto a scoprire cosa le cucine mondiali hanno da offrire ai loro palati.
6. La tavola rappresenta un momento per la socialità, perché il cibo è più buono se condiviso e rappresenta anche un momento di dialogo importante nella società di oggi veloce, intensa e proattiva.
7. Amano informarsi quotidianamente, studiano, si documentano, confrontano prodotti e si confrontano tra loro su come migliorare il loro stile di vita ma sempre in maniera attenta a ciò che accade attorno a loro.
8. Sono attenti al sociale: combattono per le loro cause, aiutano gli altri e sono sempre in prima linea per difendere le loro abitudini, non solo culinarie. Condividono il loro pensiero tramite social, blog e tweet. Comunicano anche attraverso la cucina.
9. Innovatori si nasce, cultori si diventa poiché sperimentano sempre nuovi piatti e altre culture creando ogni volta qualcosa di unico che può essere condiviso con gli altri tramite cene, blog, video e ricette online.
10. Sono degustatori, non riducono il pasto al semplice consumo ma lo vivono velocemente, intensamente ed in buona compagnia. Assaggiano di tutto ma sempre in linea con i loro principi e le loro aspirazioni.


--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *