CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Salute, Sanità, Benessere e Medicina

Cerca nel blog

domenica 10 luglio 2016

L’Ue punta sulla ricerca italiana di Dianax: 2 milioni di euro per finanziare lo sviluppo del chip in grado di diagnosticare il diabete


Image
L’azienda innovativa italiana Dianax ottiene dalla Commissione Europea oltre 2 milioni di euro a fondo perduto

L’Ue punta sulla ricerca italiana: finanzierà lo sviluppo di un chip in grado di diagnosticare il diabete. 
Iannone, Ceo di Dianax:”Investiremo per passare dalla fase di sviluppo alla fase industriale”
 

Milano, 10 luglio 2016
 
Obiettivo centrato e grande opportunità di sviluppo per Dianax grazie a Horizon 2020 SME, il programma di europeo per il finanziamento di progetti industriali innovativi. Il risultato, che ancora una volta premia la ricerca scientifica del nostro Paese, è stato ottenuto anche grazie al supporto di Arietti & Partners, società con sedi a Milano, Torino, Bologna e Bruxelles, che ha assistito l’azienda in tutte le fasi di preparazione, redazione e presentazione del progetto.

Dianax focalizzata sulla realizzazione di Lab-on-Chip per la rivelazione delle proteine in fluidi biologici quali il sangue intero o l'urina, ha infatti ottenuto un finanziamento a fondo perduto di 2 milioni e 171mila euro dalla Commissione Europea che ha accolto la richiesta inoltrata.

L’azienda ha presentato un progetto fortemente innovativo nel campo della diagnostica medica. Il progetto mira a sviluppare e portare sul mercato, un sistema di analisi portatile e facilmente usabile da chiunque per la prevenzione, la diagnosi ed il controllo del diabete, costituito da un dispositivo medico monouso basato su un microchip (Lab-on-Chip) per la misura dell’emoglobina glicata.

Le potenzialità di questo dispositivo però non sono limitate al diabete. Esso può essere utilizzato per l’automisurazione o Self-Monitoring di biomarcatori proteici in fluidi biologici quali il sangue, l’urina o la saliva. "Bisogna tener conto – ha spiegato Eugenio Iannone, CEO di Dianax - che circa la metà delle analisi del sangue comunemente usate consistono nella misurazione di proteine".

Il dispositivo medico si basa su una tecnologia unica e brevettata in grado di eseguire analisi cliniche a partire da una goccia di sangue in modo semplice e portatile. Queste caratteristiche, insieme al suo basso costo lo rendono estremamente interessante sul mercato per pazienti, farmacie, ospedali e studi medici.

Il modo in cui questo dispositivo medico-diagnostico è stato concepito e progettato lo rende unico rispetto ad altri dispositivi disponibili sul mercato. Infatti tale dispositivo medico è più veloce (pochi minuti), più robusto alle vibrazioni, più resistente alle alte/basse temperature, più durevole (2 anni) e più versatile (facile da usare ed integrabile con smartphone ed altri dispositivi simili) rispetto ad altri prodotti alternativi. Se prodotto su larga scala lo stesso costo del device sarà estremamente contenuto. Il chip di Dianax ha anche altre applicazioni fuori dal campo medico, per esempio nel controllo ambientale, nella ricerca biologica e medica e nella veterinaria.

"Siamo estremamente soddisfatti di aver ottenuto questo importante finanziamento – ha sottolineato ancora Iannone -. Investiremo il denaro che ci arriva dalla Commissione Europea per passare dalla fase di sviluppo alla fase industriale e quindi accelerare l’ingresso sul mercato".

"Questa nuova tecnologia potrebbe aiutare ad affrontare una serie di diagnosi e questioni mediche che coinvolgono un gran numero di pazienti e potrebbe rappresentare una grande opportunità anche per tutto il sistema sanitario in generale – ha spiegato Francesco Granata, Partner and Advisor di Dianax -. La possibilità di identificare i biomarcatori mediante una misura semplice ed eseguibile in qualsiasi luogo apre la strada, ad esempio, al ricorso alla loro misurazione in situazioni di  emergenza o direttamente a casa del paziente per verificare lo stato di una malattia o l'effetto della terapia".

Tra i primi a credere nel progetto Gabriele Bavagnoli, consigliere d’amministrazione di Dianax: "Sono molto soddisfatto dei risultati raggiunti ed è solo l'inizio. La tecnologia di Dianax contribuirà a prevenire e curare meglio malattie che affliggono più di un miliardo di persone nel mondo".

“Un particolare e sentito ringraziamento per il prezioso lavoro svolto – ha concluso Iannone – va ad Arietti & Partners, i nostri consulenti che ci hanno aiutato a presentare il progetto in Europa. Il loro lavoro ha contribuito a rendere questo traguardo possibile”.

"Siamo orgogliosi di aver raggiunto insieme a Dianax questo importante risultato", aggiunge Federico Cappa, Partner di Arietti & Partners/M&A International. "L'Italia ha bisogno di ricerca scientifica produttiva e competitiva e al tempo stesso di un cambiamento culturale che le riconosca il suo ruolo fondamentale come motore delle politiche di sviluppo, rilancio e innovazione. Spesso l’accesso ai finanziamenti europei risulta difficile per le nostre PMI".

 
********

COMPANY PROFILE
Dianax è stata fondata nel 2013 a Milano da un gruppo di scienziati guidati da Eugenio Iannone e Maurizio Moroni e da alcuni investitori guidati da Gabriele Bavagnoli. Si tratta di un’azienda focalizzata sulla realizzazione di Lab-on-Chip per la rivelazione delle proteine in fluidi biologici quali il sangue intero o l'urina. La tecnologia, protetta mediante diversi brevetti, permette la realizzazione di chip flessibili e robusti, adatti all'uso in ambienti non controllati come in una casa o all'aperto. Tali chip possono essere incorporati in cartucce che si possano connettere a dispositivi come Tablet e Smartphone mediante una interfaccia standard come una USB o una Firewire.

Arietti & Partners è il team italiano di M&A International Inc., il maggior gruppo mondiale di società di Mergers and Acquisitions operante nel mid-market dal 1985. Lavora in stretta collaborazione con più di 600 colleghi localizzati nei maggiori centri finanziari mondiali per assistere clienti di tutto il mondo nella realizzazione di acquisizioni, cessioni, fusioni e joint ventures. Negli ultimi 5 anni, i professionisti dell’alleanza hanno concluso più di 1.300 operazioni con un controvalore superiore ai 75 miliardi di dollari.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *