giovedì 7 luglio 2016

Sigarette elettroniche. Public Health England e le più importanti istituzioni sanitarie UK sostengono ufficialmente e-cig


Fontem Ventures accoglie con favore la dichiarazione di Public Health England sulle sigarette elettroniche


7 luglio 2016 - Fontem Ventures accoglie con favore la dichiarazione congiunta sulle sigarette elettroniche di Public Health England (l'Agenzia di Sanità Pubblica) e di altre organizzazioni operanti nell'ambito della salute pubblica del Regno Unito, che sostengono il ruolo dei dispositivi nella cessazione del fumo, così come l'orientamento di Public Health England sullo svapo nei luoghi pubblici, affermando chiaramente che non c'è alcuna prova del danno provocato dal vapore passivo delle sigarette elettroniche.

Public Health England, insieme ad Action on Smoking and Health (ASH), alla British Lung Foundation, al Cancer Research UK, a Public Health Action, al Royal College of Physicians e al Royal Society for Public Health UK, oltre ad altre organizzazioni, ha rilasciato una dichiarazione congiunta in cui afferma che "le sigarette elettroniche sono significativamente meno dannose del fumo (...) Più di 1,3 milioni di utilizzatori di sigarette elettroniche nel Regno Unito ha smesso completamente di fumare".

Oggi, inoltre, Public Health England ha pubblicato un parere sullo svapo nei luoghi pubblici rivolto ai datori di lavoro e alle organizzazioni in cui si sottolinea che i datori di lavoro devono essere liberi di fissare le proprie politiche, ma che "queste politiche dovrebbero tenere conto delle evidenze e fare una netta distinzione tra svapo e fumo". Public Health England sottolinea inoltre che "non ci sono attualmente prove del danno provocato dal vapore passivo della sigaretta elettronica e i rischi sono probabilmente molto bassi. Fino ad ora, inoltre, non ci sono state evidenze relativamente al fatto che le sigarette elettroniche avvicinino i giovani al fumo" e i datori di lavoro dovrebbero "supportare i fumatori a smettere di fumare e a non ricadere nel vizio".

L'affermazione si basa sul rapporto dello scorso anno di Public Health England, su un recente rapporto del Royal College of Physicians e sul parere del Consiglio Superiore della Sanità del Belgio secondo cui le sigarette elettroniche possono essere usate come strumento per smettere di fumare.

"Questo parere conferma il crescente consenso sul fatto che lo svapo e l'utilizzo di sigarette elettroniche sono significativamente meno dannosi del fumo tradizionale e dovrebbero essere incoraggiati come alternativa al fumo" commenta Fontem Ventures, azienda leader nel settore e-cig e produttrice del brand internazionale blu. "Mentre le sigarette elettroniche non sono commercializzate come prodotti per la cessazione del fumo, un recente studio pubblicato sulla rivista Addiction ha dimostrato che lo svapo ha aiutato 6,1 milioni di persone in tutta l'Unione Europea a smettere di fumare".

"Inoltre, Public Health England, ma non solo, ha sottolineato che lo svapo nei luoghi pubblici non ha alcun impatto significativo sulla qualità dell'aria, e questo conferma la lungimiranza della regolamentazione italiana dove, già dal 2014, è stato stabilito di lasciare autonomia nel permettere o meno ai vapers di utilizzare la sigaretta elettronica nella maggior parte degli spazi pubblici chiusi" conclude l'azienda.



Informazioni su Fontem Ventures
Fontem Ventures è l'azienda proprietaria di blu, marchio leader nel settore delle sigarette elettroniche negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Con sede nei Paesi Bassi e presente in due continenti, Fontem Ventures è una società di beni di consumo innovativa, fondata nel 2012, impegnata nello sviluppo di un portafoglio di prodotti in grado di soddisfare le esigenze dei consumatori, tra cui i prodotti dello svapo elettronico di altissima qualità.




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI