venerdì 23 giugno 2017

Il 26 giugno è la giornata contro le droghe. CNCA: Le istituzioni stanno abbassando la guardia

26 giugno 2017 giornata mondiale della lotta alla droga
IL CNCA LOMBARDIA: LE ISTITUZIONI STANNO ABBASSANDO L'ATTENZIONE SUL FENOMENTO DELLE DIPENDENZE E DEI CONSUMI DI SOSTANZE

Milano, 23 giugno 2017 - Negli ultimi anni, il tema del contrasto alle dipendenze ai consumi di sostanze stupefacenti è sostanzialmente scomparso dalle agende politiche a livello nazionale e regionale. Tuttavia, questi fenomeni non sono affatto scomparsi. 

Al contrario, il consumo di droghe si è diffuso in maniera estesa e capillare, non solo tra coloro che vengono considerati consumatori abituali o a rischio (adolescenti e persone emarginate o a rischio di esclusione sociale), ma anche all'interno di fasce sociali e generazionali apparentemente insospettabili (professionisti, persone integrate nella società e persino anziani). 

A questa situazione, bisogna poi aggiungere la dipendenza patologica da gioco d'azzardo, anch'essa diffusa in modo trasversale per fasce d'età, censo e gruppi sociali.

Di fronte a questa situazione – preoccupante e pericolosamente sottovalutata – le strategie adottate finora a livello nazionale per contrastare il consumo di sostanze stupefacenti hanno dimostrato ampiamente i loro limiti. È quindi giunto il tempo di scrivere una nuova politica sulle droghe.

Anche la Giunta della Regione Lombardia, negli ultimi anni, ha abbassato l'attenzione, disinvestendo risorse eoconomiche preziose rispetto all'impegno in questo campo.

  1. Gli interventi di riduzione del danno (interventi a valenza socio-sanitaria rivolti a tossicodipendenti attivi) e di riduzione dei rischi (rivolti ai giovani che frequentano contesti del divertimento legale e illegale in cui è presente il consumo di sostanze) sono stati inseriti nel Programma Operativo Regionale (POR) sull'Inclusione Sociale. Si tratta di interventi che, invece, dovrebbero essere messi a carico del Servizio Sanitario Nazionale gestito dalle Regioni dal momento che il Governo ha riconosciuto queste prestazioni come Livelli essenzuali di assistenza (LEA).
     
  2. Le sperimentazioni svolte dal 2012 in avanti avevano permesso di "agganciare", rintracciare a aiutare alcune centinaia di ragazzi e ragazze che si trovavano in condizioni di consumo problematico. Questi progetti sono stati fatti defluire in una dimensione burocratico-amministrativa estremamente farraginosa, che ha reso complicato una tipologia di intervento che avrebbe invece bisogno di velocità, snellezza e flessibilità. I progetti sperimentali sono stati infatti trasferiti all'interno di un Programma Operativo Regionale (POR), con risorse temporanee dell'Unione Europea e un disinvestimento delle risorse regionali, per un intervento che dovrebbe essere invece strutturale.
     
  3. La prevenzione, importante e a volte essenziale per aiutare a costruire difese e distanze, è stata circoscritta a un ambito sempre più gracile, fragile e aspecifico, con una diminuzione rilevante delle risorse messe a disposizione. 
     
  4. Nelle carceri della Lombardia si trovavano 8.217 detenuti, dei quali circa un terzo tossicodipendenti o consumatori problematici di sostanze stupefacenti (dati aggiornati al 31 maggio 2017). In questo contesto, Regione Lombardia continua a disattendere il Protocollo siglato con il governo nel 2014 in cui si impegnava "ad adottare misure idonee all'aumento delle possibilità ricettive delle comunità residenziali anche di tipo terapeutico, idonee ad ospitare, agli arresti domiciliari o in misura alternativa, soggetti in esecuzione penale presso i servizi penitenziari della Regione". Inoltre si impegnava, all'articolo 4, insieme al governo, "a condividere le previsioni di spesa nelle materie di rispettiva competenza". Impegno disatteso sia dalla Regione sia dal Governo.
     
  5. Le tariffe per gli inserimenti in comunità trattamentali residenziali e semiresidenziali sono invariate ormai da più di dieci anni. La Giunta regionale lombarda, dopo forti prese di posizione da parte dei diversi coordinamenti, ha risposto parzialmente all'impegno chiesto dal Consiglio Regionale, all'unanimità, relativo a un aumento del 30% in due anni. Siamo fermi a incremento del 15%, senza alcun impegno per il secondo anno. 
Il fenomeno delle dipendenze è oggi una patologia sociale con una forte ricaduta di carattere sanitario. Regione Lombardia, invece di rispondere a una grave, seria e per alcuni aspetti drammatica situazione, ha contratto in maniera sensibile le risorse destinate al contrasto alle dipendenze. Non è un caso se Regione Lombardia si trova al terzultimo posto in Italia per le risorse destinate al contrasto alle dipendenze nell'ambito della spesa sociosanitaria.

Nella giornata mondiale dedicata alla lotta alla droga il CNCA Lombardia chiede il rispetto degli impegni relativi alla messa a sistema della riduzione del danno e dei rischi come LEA. Chiede interventi mirati rivolti specificatamente agli adolescenti, il potenziamento degli interventi di prevenzione. Richiede l'adeguamento delle tariffe delle comunità residenziali e semi residenziali oltre a misure concrete e risorse per l'accoglienza in comunità dei detenuti tossicodipendenti.
Il CNCA Lombardia raccoglie 37 gruppi tra associazioni, cooperative ed enti religiosi. Tra questi, 19 gruppi si occupano di dipendenze e consumi, gestiscono 32 comunità accreditate residenziali e semi residenziali, con più di 600 posti a disposizione di donne e uomini con problemi di dipendenza da sostanze che scelgono liberamente di intraprendere percorsi di cura.
Tra questi, dieci gruppi gestiscono varie tipologie di interventi di riduzione del danno e dei rischi:

  • Sei Unità di strada tossicodipendenti, formate da équipe di operatori che contattano persone tossicodipendenti nelle piazze e luoghi di spaccio e consumo. Nel 2016, le Unità di strada gestite dalle associazioni afferenti al CNCA hanno contattato 1.164 persone, sviluppando 21.592 contatti.
  • Sei "Drop In", ovvero centri diurni a bassa soglia rivolti a persone tossicodipendenti, che vivono anche in condizioni di marginalità: nel 2016 hanno accolto 2.307 persone sviluppando 51.195 contatti
  • Nove Unità mobili giovani, formate da équipe di operatori che intervengono nei luoghi legali ed illegali del divertimento giovanile serale e notturno (dalle discoteche ai rave party) in cui sono evidenti i consumi e la presenza di comportamenti a rischio: sono state contattate da 42.406 persone sviluppando 49.163 contatti




Chi siamo
Il CNCA Lombardia ogni anno si fa carico di oltre 8000 persone ed entra in contatto con circa 120.000 cittadini nel territorio regionale.

Il Cnca si compone di 37 gruppi aderenti presenti in 10 provincie della Regione, che raccolgono circa 2000 soci, 1800 lavoratori, 180 strutture residenziali (minorenni – persone con disabilità – dipendenze – mamme bambino – housing sociale) e 270 servizi diurni e progetti territoriali (centri diurni e servizi domiciliari per minori, disabili e anziani – unità di strada – servizi prevenzione – politiche giovanili - carcere)

Si è costituita formalmente il 31 gennaio 2006.
--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI