venerdì 23 dicembre 2016

Risonanza magnetica, General Electric lancia innovativa tecnologia per ridurre consumo di elio da 2.000 a 20 litri

GE HEALTHCARE LANCIA FREELIUM, INNOVATIVA TECNOLOGIA PER RISONANZA MAGNETICA PROGETTATA PER RIDURRE IL CONSUMO DI ELIO DA 2.000 A 20 LITRI

Milano – L'elio è un componente fondamentale dei sistemi per imaging a risonanza magnetica, ma le sue disponibilità non sono infinite e la domanda del gas in questi anni ha continuato a crescere. 

È per rispondere a questa sfida che GE Healthcare, la divisione medicale di General Electric, ha progettato Freelium*, un'innovativa tecnologia di nuovi magneti in grado di consumare soltanto l'1% della quantità di elio rispetto a quella utilizzata dai magneti per risonanza magnetica convenzionali: invece dei 2.000 litri di elio allo stato liquido impiegati mediamente, infatti, Freelium ne userà soltanto 20. 

Per riuscire a fornire immagini in alta definizione del cervello, degli organi vitali o delle strutture anatomiche dei pazienti, la risonanza magnetica usa magneti superconduttivi raffreddati a una temperatura fino a -270 gradi centigradi. 

L'unico modo per mantenere i magneti della risonanza così freddi durante l'uso clinico è grazie all'utilizzo di migliaia di litri di elio liquido, estratto dal sottosuolo della crosta terrestre.

I magneti dotati della tecnologia Freelium non sono progettati soltanto per essere meno dipendenti dall'elio, ma anche per essere più facili da installare all'interno delle strutture e soprattutto ecosostenibili.

Grazie a Freelium gli ospedali non avranno più bisogno di ricorrere a complicati sistemi di ventilazione che spesso comporta a dover collocare il magnete in edifici separati dal reparto di radiologia o in ambienti dedicati. 

Inoltre un magnete Freelium non necessita di ricarica di elio né durante il trasporto, né nel corso del suo ciclo di vita. 

Quando la tecnologia Freelium verrà integrata a un prodotto commerciale nel futuro, avrà il vantaggio di rendere più semplice e meno costosa sia l'installazione che la gestione della risonanza magnetica. 

Un vantaggio particolarmente significativo nei Paesi in via di sviluppo, dove mancano le necessarie infrastrutture, ma anche nelle maggiori città metropolitane dove l'installazione di un magnete può arrivare a costare più del magnete stesso.
Grazie a questa innovazione tecnologica, i pazienti che oggi non hanno accesso ai benefici diagnostici di una risonanza magnetica potrebbero averli in futuro.

"In GE Healthcare ci impegniamo a risolvere i problemi dei nostri clienti", ha commentato Stuart Feltham, magnet engineering leader di GE Healthcare MR. 

"Il fatto che le risonanze magnetiche richiedano così tanto elio liquido implica costi e complicazioni, rendendo i sistemi difficili da installare. La tecnologia Freelium è progettata per affrontare radicalmente queste sfide: è un passo avanti rivoluzionario per il nostro settore e non vediamo l'ora di integrare questa innovazione nei sistemi di risonanza magnetica, per far sì che il personale medico e i pazienti possano beneficiarne nel futuro prossimo. La percentuale della popolazione mondiale che non ha ancora accesso a questo genere di esame è superiore al 70%. Il nostro obiettivo è di sfruttare la potenzialità di questa tecnologia a basso consumo di elio per incrementare l'accessibilità della risonanza magnetica, facendo in modo che più persone possano beneficiare delle sue capacità diagnostiche".



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI