CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Salute, Sanità, Benessere e Medicina

Cerca nel blog

domenica 11 dicembre 2016

Disturbi del sonno ed eccessiva sonnolenza: il rischio di incidenti stradali si moltiplica fino al 400%!

Risultati immagini per Salute e Trasporti - Disturbi del sonno ed eccessiva sonnolenza: i
Salute e Trasporti: per la prima volta in Italia una ricerca condotta dal Dipartimento di Neuroscienze dell'Università di Genova e pubblicato sulla rivista internazionale“Plos One” dimostra la stretta correlazione tra debito di sonno ed incidenti stradali in ampia popolazione di autotrasportatori

 
Genova, 11 dicembre 2016 La sonnolenza diurna e i disturbi del sonno, collegati talvolta a malattie come l’apnea notturna, possono moltiplicare significativamente il rischio di incidenti stradali, in alcuni casi specifici fino a quattro volte.   

Lo rivela uno studio - pubblicato a dicembre sulla prestigiosa rivista californiana Plos One - nato dalla convenzione tra il Dipartimento di Neuroscienze dell'Università di Genova del prof. Gianluigi Mancardi e la multinazionale CNH-Industrial IVECO -, il cui lavoro è stato ideato e coordinato dal neurologo Dott. Sergio Garbarino. 

Hanno collaborato il prof. Paolo Durando del Dipartimento di Scienze della Salute di Genova ed il prof. Nicola Magnavita dell’Istituto di Sanità Pubblica dell’Università Cattolica di Roma

La ricerca unica nel suo genere risulta essere di particolare rilevanza se consideriamo che solamente in Italia nel 2015 su 174.000 incidenti stradali (dati Istat) ben 12.180 sono stati quelli causati da autisti affetti da sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS), con circa 240 morti e 17.224 feriti accertati. 

Anche per questo motivo quest’anno un documento approvato da Governo e Regioni ha definito questa malattia"Un grave e crescente problema sanitario, sociale ed economico”.


La letteretatura scientifica da anni ha già ampiamente documentato l’esistenza di una correlazione tra carenza di sonno e rischio di incidenti stradali. 

Ma questo è il primo studio in Italia ad affrontare la salute e le abitudini di un vasto numero di autotrasportatori, circa 950 soggetti– è stato realizzato nell’ambito di “Iveco CNH-Industrial Check Stop Project”, un programma internazionale di prevenzione e informazione per la sicurezza stradale – ed a tenere conto contemporaneamente di tutte le principali problematiche relative al sonno che influiscono sulla capacità di guida: apnea notturna, carenza cronica di sonno e sonnolenza diurna

I ricercatori, infatti, hanno preso in esame la quantità di sonno desiderata e il numero di ore effettivamente dormite, così da calcolare il debito di sonno, cioè le ore che effettivamente mancano rispetto alle necessità psicofisiche di ciascun partecipante. 

A questo punto è stato misurato con esattezza il rischio di incidente di un camionista che dorme meno del dovuto. 

I risultati sono incredibili: per chi dorme due ore meno del dovuto (quindi non più di sei ore a notte) il rischio incidenti raddoppia, triplica con tre ore in meno di sonno a notte rispetto a quelle necessarie, e per chi ha dormito quattro o meno ore il rischio è addirittura quattro volte maggiore.
 

“ In generale”, chiarisce il prof Magnavita,” si ritiene che sia necessario dormire tra le sei e le otto ore al giorno, ma certamente va tenuto conto che ognuno ha le sue abitudini. Per calcolare la carenza di sonno abbiamo chiesto ai camionisti quanto avrebbero voluto dormire e quanto avevano effettivamente dormito”. 

Infine la ricerca conferma quello che era emerso da precedenti studi del gruppo di Garbarino: il “riposino pomeridiano” è utile per annullare l'aumento di rischio di incidente da carenza di sonno, ma solo se ha una durata di circa 20 minuti

“Riuscire a calibrare il diverso impatto di eccessiva sonnolenza diurna (EDS) e OSAS sul rischio di incidenti e infortuni sulle strade ma anche sul luogo di lavoro”,  dichiara il dott. Sergio Garbarino,”permette di impostare corrette e mirate strategie preventive sia sull’incidentalità che sulla salute del guidatore, ma anche del lavoratore in generale. Noi ricercatori possiamo fornire indicazioni e dati scientifici che vanno in questa direzione, ma è arrivato il momento che le istituzioni competenti facciano finalmente la loro parte”.


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *