giovedì 27 aprile 2017

STRESS PRIMAVERILE: LE 5 REGOLE PER AFFRONTARE AL MEGLIO IL PERIODO PIU’ DIFFICILE DELL’ANNO

I 5 consigli di Roberto Re, il guru dell'automotivazione, su come gestire al meglio questo periodo di transizione


Milano, 27 Aprile 2017 – Sonnolenza e stanchezza potrebbero essere considerati due imperativi tipici del cambio di stagione. 

Il periodo più delicato sembrerebbe essere proprio quello di adesso: l'inizio della primavera, in cui si ha infatti un significativo cambio climatico associato ad un allungamento delle ore di luce. 

Questo comporta la necessità di dormire di più, nonostante e paradossalmente più si riposa e più ci si sente stanchi, svogliati e privi di forze. 

È quindi anche il periodo in cui tutti i lavoratori fanno più fatica a gestire questa condizione di astenia. Manager, imprenditori e professionisti cominciano infatti ad accusare di cali fisici dovuti a turni pesanti, all'eccessivo carico di responsabilità e ai conflitti quotidiani con i colleghi. 

Nei periodi di transizione, come quelli di stagione, in ogni luogo di lavoro possono esistere situazioni di stress, a danno di tutte le categorie professionali.

Per affrontare al meglio questo periodo dell'anno, secondo Roberto Re, uno dei più notiment al coach in Italia, è indispensabileri sollevarsi e apprendere 5 semplici consigli per gestire al meglio lo stress dei periodi di cambiamento per aumentare la propria motivazione e quella del proprio team verso il raggiungimento degli obiettivi.

Ecco quindi cosa consiglia l'esperto:

  1. Organizzare i tempi. La prima regola per evitare lo stress lavorativo causato dal carico di lavoro è non ridursi all'ultimo momento per rispettare le scadenze. Giocare d'anticipo è quindi la carta vincente, se non praticamente, quanto meno idealmente. Iniziare dunque a preparare una scaletta delle cose da fare per ordine di importanza, permette di non affannarsi nel corso degli ultimi due giorni, come accade quasi sempre. Se è vero che tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare, è altrettanto facile darsi una sorta di dead line mentale. Ogni momento è buono per "assolvere" a questo compito e rispettare la scadenza che ci si è dati.

  1. Prevedere eventuali imprevisti. E' giusto essere organizzati e gestire una sorta di tabella di marcia della quotidianità, ma non bisogna esagerare. Imparare ad accogliere gli imprevisti come possibilità positive è la carta vincente. "Uscire dai propri schemi e non cercare a tutti i costi di voler portare le proprie abitudini dovunque si vada è la strada migliore. In questo modo, se capita il fuoriprogramma, meglio prenderla con il sorriso e un po' di spirito pratico" – dice Re.
  1. Nuovi stimoli. Sperimentare e aprirsi al nuovo, può essere un'ottima soluzione per trovare altri stimoli, provenienti ad esempio anche da altri colleghi. Questi possono essere occasione per impegnarsi in attività diverse dal solito e per venirsi incontro.
  2. Lasciare i 'pensieri' in ufficio. In previsione di ponti o settimane di pausa, è naturale accelerare i ritmi lavorativi, ma una volta usciti dall'ufficio è bene staccare completamente la testa dalle preoccupazioni e dalle ansie da ufficio, così da godere di un riposo reale nelle ore non lavorative. "In generale comunque, durante tutto l'anno è bene imparare a concedersi momenti dedicati alla cura di se stessi, anche solo una bella dormita a settimana può di fatto cambiare completamente la nostra percezione", commenta Re.
  1. Trovare il tempo per rilassarsi. Un ingrediente essenziale per una buona concentrazione, fondamentale soprattutto in questi periodi, è il rilassamento. Essere rilassati, o imparare a concedersi questi momenti, permetterà di non sprecare troppo tempo ed energie per raggiungere i propri obiettivi.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI