sabato 10 settembre 2016

Smartphone, Computer e Luce Blu: i vostri occhi sono pronti al rientro in ufficio?

L'utilizzo eccessivo del computer a lavoro mette a dura prova i nostri occhi, soprattutto al rientro dalle ferie estive dopo settimane di break.
Per questo Zeiss ha ideato due soluzioni per limitare lo stress visivo provocato da dispositivi digitali.



Pronti, via, si riparte! Con Settembre si apre un nuovo anno di fatiche in cui saremo chiamati a districarci fra mille impegni, nuove sfide da cogliere e obiettivi lavorativi da raggiungere.

Tanti musi lunghi, dunque, al momento di disfare le valigie e tanta nostalgia ora che il mare e le vacanze restano solamente un ricordo, felice, ma passato.

Si chiama Post Vacation Syndrome, come definita da numerosi ricercatori, e comporta una serie di sintomi quali irritabilità, calo di attenzione, mal di testa, difficile digestione e un generico senso di stordimento. Colpisce, a quanto pare, un lavoratore su dieci, secondo le statistiche.


Ma i vostri occhi sono pronti ad affrontare il rientro in ufficio senza stress?

Buona parte dei malesseri è influenzata dall'eccessivo uso del computer nel corso della giornata lavorativa. Gli esperti ZEISS spiegano che le possibili cause di questi sintomi possono essere due: il costante utilizzo di smartphone e tablet con diverse distanze di messa a fuoco, diverse dimensioni di carattere e un ridotto ammiccamento e le emissioni di luce blu degli schermi dei dispositivi digitali. 
Tra i problemi più accusati troviamo la cosiddetta "Sindrome da discomfort oculare", un problema alla vista piuttosto noto per chi spende gran parte della propria giornata di fronte al display di un computer.

La concentrazione legata all'attività lavorativa porta a fissare lo schermo per diverse ore consecutivamente, riducendo sensibilmente gli "ammiccamenti" al minuto (ovvero il numero di volte in cui si sbattono le palpebre) e portando a una maggiore evaporazione del film lacrimale e, di conseguenza, una maggior esposizione degli occhi a problemi di varia natura.

Inoltre, chi fa un uso molto intenso di smartphone, tablet e PC, passa continuamente dalla visione da vicino a quella da lontano e, prevalentemente nella fascia di età tra i 30 e 45 anni, ciò comporta irritazioni e sovraffaticamento degli occhi con maggiore frequenza.


Per tutti coloro che la sera, tornando a casa dal lavoro, avvertono gli occhi stanchi e arrossati, mal di testa e dolore al collo, ZEISS ha sviluppato una nuova gamma di lenti per occhiali che rispondono alle esigenze di chi usa lungamente dispositivi digitali, pur non rinunciando ad un'ottima visione anche di stampati tradizionali.

L'innovativa tecnologia Digital Inside Technology, applicata sia alle lenti Digital Lenses, ideali tra i 30 e i 40 anni per affrontare le prime sfide visive, e alle lenti progressive della linea Precision, consente una visione confortevole da vicino combinata con un'eccellente acuità visiva da lontano e aiutano le persone che accusano sintomi di sovraffaticamento degli occhi ad ottenere una visione più confortevole e in grado di superare le sfide che affrontano quotidianamente.


Quale protezione indossare per chi fa un lavoro "smart", sempre in movimento tra ufficio e appuntamenti?

Nella vita di tutti i giorni capita facilmente di svolgere le normali attività giornaliere sia in locali chiusi che all'aperto. Negli ambienti interni ed esterni, la luce blu è presente ovunque, anche se la sua intensità è variabile. In esterni la troviamo in ogni momento dell'anno e in qualsiasi condizione atmosferica. Negli ambienti interni, invece, è presente nell'illuminazione a LED e nelle fonti di luce fluorescente incorporate nei moderni dispositivi elettronici come TV, computer, tablet e smartphone.

Evidenze scientifiche indicano che una prolungata esposizione alla luce blu può contribuire a causare danni alla retina aumentando nel tempo il rischio di degenerazione maculare. L'esposizione a tale luce, soprattutto da fonti dirette e ravvicinate, è in forte crescita, può portare ad affaticamento visivo, secchezza, irritazione e rossore oculare, visione offuscata e mal di testa intenso.

Per le persone che passano la maggior parte del loro tempo tra interno ed esterno e che sono esposti alla luce blu generata dagli schermi dei dispositivi a LED e dal sole, Zeiss ha sviluppato specificamente il trattamento ZEISS DuraVision® BlueProtect che riflette parzialmente la luce blu per proteggere i nostri occhi ma allo stesso tempo garantire comunque una corretta percezione dei contrasti e salvaguardare la sua preziosa funzione di regolatore dei cicli sonno-veglia. Il trattamento ZEISS DuraVision® BlueProtect può essere applicato a tutte le lenti ZEISS, sia monofocali sia progressive.

Gli effetti benefici delle vacanze possono perdersi in un istante con il ritorno alla vita quotidiana. Prolunga le ferie dei tuoi occhi con Zeiss!

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI