domenica 11 settembre 2016

SALUTE, OCULISTI SICILIANI IN NICARAGUA PER MISSIONE UMANITARIA

Anche quest'anno grazie al progetto Vision, "aiutiamo il Nicaragua a vedere"

OCULISTI IN MISSIONE: DALLA SICILIA ALL'AMERICA LATINA,
PONTE UMANITARIO PER GARANTIRE IL DIRITTO ALLA SALUTE VISIVA

Zagari: «Dopo aver costruito il reparto, continua la formazione di medici locali»


Dalla Sicilia al Nicaragua con l'obiettivo di formare oculisti in grado di fornire alla popolazione servizi di riabilitazione e prevenzione delle malattie oftalmiche. 

Lì, nell'America Latina, dove la trappola della povertà e dell'arretratezza si snoda tra villaggi di capanne e strade sterrate, il Poliambulatorio Centro Europeo (Pce) di Aci Castello (Catania), in qualità di partner ufficiale da tre anni porta avanti il "Progetto Vision" realizzato in collaborazione con l'A.S.I. (Associazione Solidarietà Internazionale: onlus fondata nel 1992 che chiama a raccolta volontari che prestano gratuitamente la loro opera professionale).

«Grazie a un gemellaggio con l'ospedale di Udine – spiega Marco Zagari, promotore e responsabile sanitario dell'iniziativa per l'anno 2016 e medico oculista che ogni anno partecipa alla missione – tre anni fa abbiamo allestito un ambulatorio di 36 metri quadri e una sala operatoria di oculistica a San Rafael del Norte, con strumentazioni e macchinari utili per coprire i bisogni primari e le patologie legate alla vista. In tutto il Paese sono presenti solo quattro specialisti che non possono certo garantire il diritto alla salute visiva, abbiamo così avviato un percorso di sensibilizzazione ed educazione professionale per offrire a centinaia di persone l'opportunità di recuperare uno dei sensi più importanti per l'essere umano».

Quest'anno sono stati quattro i medici del Pce, insieme a quattro volontari, che ad agosto hanno preso il volo da Catania, portando in valigia farmaci, lenti intraoculari, materiali chirurgici e ausili per i pazienti: «Abbiamo lavorato ininterrottamente dodici ore per 15 giorni – continua Zagari – effettuando 26 interventi di chirurgia complessa e una media di 70 visite al giorno. L'oftalmologia è una delle aree della salute dimenticate in Nicaragua, tanto che le patologie ad essa legate sono diventate un problema di grande rilevanza della sanità pubblica».
Oltre a Marco Zagari, l'equipe del Poliambulatorio Centro Europeo era composta dagli oculisti Michele Enrico Bellino, Sara Macor, Carlo Rapisarda, e da Valentina Cammareri (volontario specialist materiali chirurgici), Giovanna Caramico (volontario e membro del consiglio direttivo ASI onlus), Giorgio Vacirca (volontario fotoreporter), Francesco Colantonio (volontario).

Il Pce, offrendo e donando dunque la strumentazione chirurgica e per lo screening e la formazione attraverso l'individuazione di medici locali, è possibile garantire presso l'ospedale di Jinotega e di San Rafael del Norte continuità al servizio: «Il primario Carlos Nuñez, insieme all'aiuto Eduardo Lindo – continua lo specialista, che ha già alle spalle diversi anni di esperienza – hanno oggi il know-how necessario sia per l'attività di prevenzione, sia per quella chirurgica. Così facendo gli abitanti del distretto non saranno costretti a recarsi a Managua per rivolgersi alla sanità privata, troppo costosa per la maggior parte della popolazione. Quest'anno, oltre agli interventi di routine, abbiamo anche affrontato delicate operazioni dalla cornea alla retina e sottoposto numerosi bambini, dai due ai quindici anni, a interventi per cataratta congenita, con tecniche correttive e ottimi risultati riabilitativi». 

Una cooperazione internazionale – quella rappresentata dallo slogan "Aiutiamo il Nicaragua a vedere" - sottoscritta direttamente con il ministero della Salute Nicaraguense (MINSA), che oggi è diventata un appuntamento fisso per quei volontari etnei impegnati in prima persona sul fronte umanitario.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI