mercoledì 17 dicembre 2014

MALATTIE RARE: AL "SANIT" ENNESIMA GIOSTRA DI NUMERI!


Associazione "Giuseppe Dossetti: i Valori"

 

 

MALATTIE RARE

AL "SANIT" ALTRO GIRO, ALTRA CORSA

ENNESIMA GIOSTRA DEI NUMERI!

 

 

 

E intanto, l'Emendamento alla Legge di Stabilità 2.1623 del Nuovo Centrodestra,

Partito di cui è esponente il Ministro della Salute, si schiera contro i Malati Rari

 

 

 

 

(Roma, 17 dicembre) - Alla vigilia dell'ennesima kermesse incentrata sul complesso mondo delle Malattie Rare, l'Associazione "Giuseppe Dossetti: i Valori" chiede, con forza, di far luce sui quesiti ormai cristallizzati e ancora privi di risposte concrete e veritiere. «Ci risiamo. Questa volta l'appuntamento è al "Sanit". Si torna a parlare di Malattie Rare in occasione del Convegno: "Prevenzione, alimentazione, innovazione e benessere nella famiglia a contatto con una Malattia Rara". Un'altra occasione in cui verranno sviscerate le solite tematiche, condite da numeri improbabili e di dubbia provenienza», afferma Claudio Giustozzi, segretario nazionale Associazione "G. Dossetti", secondo il quale: «Urge trasparenza! Questi Convegni sono solo contenitori vuoti. Le solite sfilate di nomi della Politica, delle Istituzioni e della Sanità. Mentre attendiamo, ormai da decenni, risposte sul numero effettivo delle persone affette da Malattie Rare nel nostro Paese. Continuiamo a non conoscere, esattamente, le patologie cosiddette "Rare" presenti sul territorio nazionale e quali siano i Centri di riferimento per i pazienti. Tutto questo a fronte di una spesa sostenuta dal nostro Ssn, con il solo intento di alimentare l'attività dell'Istituto Superiore delle Malattie Rare di cui, però, si ignorano i reali investimenti».

Dunque, Claudio Giustozzi, sottolinea: «Infatti, senza alcuna vergogna, si parla ancora dell'esistenza di circa 2 milioni di persone affette da Malattie Rare in Italia. Invece, il Registro Nazionale delle Malattie Rare computa, attualmente, circa 120mila pazienti colpiti da queste patologie. Ovvero, solo il 10% dei 2 milioni paventati. Dov'è il restante 90% dei Malati Rari? E perchè non pubblicare tutte le schede informative dei 2 milioni di pazienti dislocati sul territorio?». Proprio per far chiarezza l'Associazione "G. Dossetti" ha più volte chiesto, per ora ancora inutilmente, «l'Istituzione dell'Agenzia Nazionale per le Malattie Rare. Ovvero un Organo ad hoc con compiti di indirizzo, controllo, raccordo tecnico e programmatico a supporto del Ministero della Salute, per gestire interamente e soprattutto, in trasparenza, il Fondo Nazionale delle Malattie Rare». Quindi, Claudio Giustozzi, conclude: «Alla luce dei fatti, è necessario ammettere il flop totale del Registro Nazionale delle Malattie Rare. Se dopo tanti anni non esiste una mappatura completa e chiara dei malati "Rari" significa che, finora, l'obiettivo non è stato raggiunto. Ed è un indiscutibile fallimento. Motivo per cui auspichiamo una piena presa di coscienza dell'attuale situazione da parte di Domenica Taruscio, direttore Centro Malattie Rare Iss, con relativa autosospensione dal proprio ruolo».

 

 

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI