mercoledì 5 novembre 2014

Per uno studio francese-britannico, lavorare di notte accelera l'invecchiamento cognitivo

Memoria, attenzione e velocità di reazione pagano la mancanza di sonno regolare.

Lavorare nelle ore notturne non fa bene alla nostra salute, diversi studi hanno dimostrato come porti a diversi tipi di ulcere, malattie cardiache e alcuni tipi di cancro. È quanto sostiene uno studio effettuato da alcuni ricercatori francesi e britannici. Sotto esame, per dieci anni, 3000 lavoratori nel sud della Francia fra i 32 e i 62 anni - ad inizio studio - impiegati nei più diversi settori.

La metà di questo campione ha lavorato per almeno 50 giorni all'anno in orari notturni. Nel decennio la capacità cognitiva (memoria, attenzione, velocità di reazione) è stata misurata a tre riprese (1996, 2001 e 2006) con test neuropsicologici.
I risultati dello studio pubblicato sulla rivista medica "Occupational and Environmental Medicine" hanno dimostrato che coloro che hanno avuto un lavoro a turni, per dieci anni o più, hanno avuto un declino cognitivo - processo di invecchiamento naturale - molto più veloce rispetto agli altri.

Secondo Jean-Claude Marquié, ricercatore presso il CNRS di Tolosa che ha coordinato lo studio, il punteggi più basso equivale a "un invecchiamento cognitivo di 6,5 anni". Il dato non è stato considerato trascurabile. "Sapevamo di effetti a breve termine, ma non si sapeva nulla di quelli a lungo termine", spiega.

Lo studio, che dovrà comunque essere ulteriormente confermato, ha mostrato che l'impatto negativo sulle capacità cognitive persiste per almeno cinque anni dopo la fine del lavoro a turni.
Tra le soluzioni proposte per limitare questi effetti, che sono diversi da individuo a individuo, il ricercatore ha citato un "controllo medico personalizzato" e una migliore organizzazione aziendale per promuovere "orari di lavoro più favorevoli alle ore del sonno".


--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI