CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Salute, Sanità, Benessere e Medicina

Cerca nel blog

lunedì 10 novembre 2014

SONO 107.976 I MALATI RARI IN ITALIA E NON 2 MILIONI. I DATI DEL REGISTRO SONO BLOCCATI AL 2011

 

 

IL PNMR? UNA SEMPLICE "LETTERA" ACCORATA PER I PAZIENTI AFFETTI DA MALATTIE RARE.

CI SONO OBIETTIVI, MA SENZA FONDI

 

 

ANCORA TROPPO CAOS SUI NUMERI.

SECONDO L'ULTIMO REGISTRO NAZIONALE DEL 2011, SONO 107.976 I PAZIENTI AFFETTI DA MALATTIE RARE IN ITALIA. DA ALLORA NESSUN AGGIORNAMENTO, SOLO PSEUDO-DATI

 

 

LA LORENZIN SMETTA DI PRENDERE IN GIRO I MALATI E SI DIMETTA!

 

 

 

 

(Roma, 10 novembre) - «Il Pnmr 2013-2016, approvato dalla Conferenza Stato-Regioni lo scorso 16 ottobre, è una semplice "lettera" accorata per i malati affetti da patologie rare e niente di più», afferma Claudio Giustozzi, segretario nazionale Associazione "Giuseppe Dossetti: i Valori", a margine della Conferenza Stampa dal titolo: "Rari, ma quanti?", che si è svolta stamane a Roma.

 

Secondo Giustozzi, infatti: «Il Pnmr non ha alcun valore di Legge, ma è solo un documento di indirizzo, una sorta di carta di intenti in cui vengono messi, nero su bianco, importanti obiettivi, ma senza alcuna copertura economica». Per dare attuazione alle previsioni del Piano, ha aggiunto Giustozzi, «il Governo dovrebbe predisporre e approvare un Decreto Legge in materia di Malattie Rare, che riveda la Governance del sistema e le procedure di monitoraggio e controllo». Attualmente,  sottolinea Claudio Giustozzi: «Il Piano, diversamente dall'eventuale Legge, non può prevedere alcun impegno economico e rimanda tutto alle Regioni, senza però alcuna preminenza normativa».

 

Per il Segretario Nazionale dell'Associazione "Dossetti" vige, inoltre, molta confusione anche sui numeri dei malati rari nel nostro Paese. «Inutile millantare circa 2 milioni di persone affette da queste patologie, quando gli ultimi dati riportati nel Registro Nazionale delle Malattie Rare del 2011, parlano di 107.976 pazienti». Da allora, continua Giustozzi, «non è mai stato fatto alcun aggiornamento o mappatura dei malati rari in Italia».

 

Per tutti questi motivi, l'Associazione "Giuseppe Dossetti: i Valori" chiede: «Le immediate dimissioni del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin che, a distanza di quasi due anni dal suo mandato», conclude Claudio Giustozzi,  «continua a prendere in giro i malati e le loro famiglie, senza dare risposte appropriate e coerenti con le reali criticità di una fascia di popolazione che, quotidianamente, si confronta con la quotidianità della malattia».

 

 


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.